/ SPORT

SPORT | 12 agosto 2020, 19:31

Davide Vagnati: dopo quasi vent'anni il ritorno a Biella

L'ex centrocampista aveva giocato nelle fila della Biellese Calcio intorno agli anni 2000.

Davide Vagnati

Davide Vagnati

Davide Vagnati, direttore area tecnica granata, ritorna al Pozzo-La Marmora dopo vent'anni, lui che giocò con la maglia della Biellese dal '99 al 2001. È ormai “Cosa fatta”, come ammesso del sindaco Corradino, l’arrivo del Torino Football Club a Biella per fare la preparazione estiva. In una data vicina al 22 agosto, infatti, tutti i membri del roster granata saranno presenti allo stadio Vittorio Pozzo. L’obbiettivo sarà quello di raggiungere il pieno della condizione atletica oltre ad entrare in confidenza con le idee del nuovo allenatore Marco Giampaolo in vista dell’inizio della prossima stagione.

Oltre all’arrivo di giocatori di ampio seguito, come Andrea Belotti, Salvatore Sirigu e Nicolas Nkolou, è importante segnalare il grande ritorno di Davide Vagnati, un tempo calciatore della Biellese. L’attuale Direttore dell’Area Tecnica granata ha militato nelle file della squadra principale della città di Biella sotto la guida tencica di mister Rizzo.

Centrocampista di qualità, Vagnati colleziona circa 70 presenze con la maglia bianconera e riesce a scrivere il proprio nome sul tabellino per ben 8 volte, lasciando un ottimo ricordo a tifosi e società. Il resto della carriera con gli scarpini ai piedi lo vede protagonista nei campionati di C1 e C2, passando anche per squadre come Pisa e Benevento, prima del ritiro. Come Direttore Sportivo, Vagnati impressiona e non poco, ricoprendo l’incarico alla Spal di Ferrara, dove conquista 3 promozioni salendo dalla vecchia serie D al maggior campionato italiano.

La sua abilità nello scovare talenti adattati alla rosa è incredibile, come dimostrano le valorizzazioni di Manuel Lazzari, Kevin Bonifazi ed in ultimo, Andrea Petagna. Dopo quasi due decenni, quindi, Vagnati ritorna in una delle città che lo ha fatto crescere nel mondo calcistico con la speranza che magari, non possa avere lo stesso effetto con i giocatori che militano in questo momento fra i granata. 

Andrea Biondo

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore