/ CRONACA

CRONACA | 02 maggio 2021, 11:00

Biella piange la morte del Maestro Vittorio Caprio

Di origine irpina, è stato uno delle personalità più attive: insegnante, sindacalista della Cisl, presidente dell'Iris nonché amministratore e presidente del Consiglio Comunale di Biella durante i mandati Susta e Barazzotto. Dal 2005 è stato guida della Società Musicale Giuseppe Verdi.

morte vittorio caprio

Il Maestro Caprio (al centro della foto concessa dal sito della Società Musicale Giuseppe Verdi)

Città di Biella in lutto per l'improvvisa scomparsa del Maestro Vittorio Caprio, mancato a 80 anni. Di origine irpina, Caprio è stato uno delle personalità più attive della comunità biellese: insegnante elementare, sindacalista della Cisl per tanti anni, presidente del Consorzio Iris nonché amministratore e presidente del Consiglio Comunale di Biella durante i mandati degli allora sindaci Gianluca Susta e Vittorio Barazzotto.

Dal 2005 è stato presidente della Società Musicale Giuseppe Verdi. Cavaliere Ufficiale, Caprio è stato membro di realtà come Aior, Aimc e Su Nuraghe. Molto conosciuto in città, per tutti era una persona corretta, discreta e di specchiata onestà. “Aveva sempre una buona parola per tutti – confida il direttore artistico Massimo Folli – Un vero signore”.

A ricordarlo, in queste ore sui social, anche l'ex senatrice Nicoletta Favero: “Collega ed amico sincero. Sei stato colonna portante nella Scuola, nel Sindacato, nell’Amministrazione della Città di Biella e nella tante Associazioni di cui hai fatto parte. Hai insegnato molto anche a me, oltreché a schiere di bimbe e bimbi, e a te devo molto di quello che sono in ambito prima lavorativo, poi politico. E non è un caso che tu sia mancato nello scampolo finale della Festa del Lavoro, tu che proprio nel Lavoro e nella Famiglia avevi le fondamenta della tua intensa vita. Orgogliosa ed onorata di averti avuto sempre vicino, sempre discretamente come solo i Grandi riescono. Ci lasci i tuoi insegnamenti, i tesori dei tuoi figli e delle adoratissime nipoti, la forza della tua sposa Giuseppina e a tutti loro va il mio grande abbraccio. Ma so che è un Arrivederci con te Vitto, perché mi preparavi sempre il posto quando arrivavo in un nuovo ambiente, fosse un'Associazione o in un’iniziativa, anche nella professione ed in politica, in modo che io mi trovassi a mio agio. Così spero di meritare di stare con te anche questa volta. Dovrò impegnarmi...e mi mancherai”.

Lascia nel dolore i tre figli e i familiari. Il Santo Rosario sarà recitato domani sera, alle 18, alla chiesa parrocchiale di Cossila San Grato. Sempre qui avranno luogo i funerali martedì 4 maggio alle 10.

g. c.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore