/ SPORT

SPORT | 17 febbraio 2021, 13:00

Scherma Pietro Micca, Vittoria Siletti riparte da dove aveva lasciato: oro nelle Cadette

Bene anche gli altri biellesi in pedana.

Foto "Team Bizzi per Federazione Italiana Scherma".

Foto "Team Bizzi per Federazione Italiana Scherma".

È ripartita da Formia l’attività agonistica della spada italiana. Al Test Event svolto da venerdì 12 a lunedì 15 febbraio, sono salite in pedana le categorie Cadetti e Giovani per una simulazione di gara in vista della ripresa ufficiale. La sezione scherma dell’A.P.D. Pietro Micca ha iniziato con delle grandi soddisfazioni: Vittoria Siletti (classe 2004, seconda del ranking italiano) è salita sul gradino più alto del podio nella categoria Cadette.

Già 1° nella classifica provvisoria dopo i gironi eliminatori, Vittoria ha gestito magistralmente la gara, superando avversarie di ottimo livello tecnico, come Vera Perini (Marchesa Torino) e Anita Corradino (Cesare Pompilio Genova), rispettivamente le numero 3 e 1 del ranking italiano. In finale, Vittoria ha superato la giovane promessa Federica Zogno (Vittoria Scherma Torino).

“Aspettavamo una gara da tanto” spiega Vittoria “soprattutto per avere conferme sul mio stato di forma e quello delle mie avversarie. Sono felice, non solo per l’ottimo risultato ma per il margine con cui ho vinto tutti gli assalti e la gestione generale della gara. Ho capito di aver lavorato bene e di essere sulla strada giusta”.

Nella stessa categoria, è salita in pedana anche Silvia Massarenti, giunta 43°. Silvia non è riuscita ad esprimere al meglio il suo potenziale, forse a causa del lungo stop agonistico. In campo maschile, nella categoria Giovani, Francesco Ferraioli esordisce con un ottimo 11° posto. Dopo aver chiuso i gironi eliminatori in 20° posizione, Francesco ha superato agevolmente Edoardo Diana (Partenopeo Napoli) per l’accesso tra i primi 16, arrendendosi poi a Enrico Piatti (Gruppo Sportivo Aeronautica Militare) per l’ingresso tra i primi 8.

“Non era una prova facile” spiega l’istruttrice Jessica Lagna “Occorre allenare anche l’abitudine alla gara e non aver avuto occasione di confrontarsi per lungo tempo, rende sicuramente più complesso l’approccio. Per questo motivo siamo molto soddisfatti dei risultati, soprattutto di Vittoria: era importante valutare se il lavoro tecnico, fisico e mentale svolto in questi mesi andasse nella direzione giusta. Questo risultato ci fa ben sperare”.

comunicato pietro micca - f.f.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore