/ SPORT

SPORT | 24 gennaio 2021, 09:00

L'atletica biellese prova a ripartire, in arrivo la Biella-Piedicavallo

biella piedicavallo

Foto delle scorse edizioni

Biella Sport Promotion e Gac Pettinengo provano a ripartire per la stagione podistica 2021. Dopo aver annullato tutta una serie di gare nel 2020, salvo la Biella-Oropa andata in scena in una atipica cornice autunnale, Claudio Piana e il suo staff propongono ai runners amanti della strada la 40ª edizione della Biella-Piedicavallo una delle corse storiche del territorio, dedicata al fondatore Ismar Pasteris.

Contestualmente, per chi non ha nelle gambe questo impegno, è prevista anche quest'anno la Balma-Piedicavallo, giunta alla sua 4ª edizione. Con l'edizione 2021 la Biella-Balma-Piedicavallo ha acquisito lo status di “Manifestazione Nazionale Bronze di Corsa su Strada Fidal”: un salto di qualità importante, ma allo stesso tempo un impegno maggiore ad organizzare un grande evento. Stando agli attuali regolamenti Fidal e al Dpcm in vigore, tutti i runners tesserati Fidal o Eps potranno prendervi parte QUALSIASI SIA IL COLORE della regione/provincia di residenza. Non sarà invece possibile accettare iscrizioni da parte di atleti non tesserati, salvo nuove decisioni in merito da parte del governo.

Il percorso di entrambe le gare ricalca quello degli ultimi anni. La partenza della Biella-Piedicavallo avverrà alle ore 10 del mattino da piazza Vittorio Veneto, in zona pedonale: i concorrenti percorreranno via Italia, via Dante, via Repubblica e via Galilei, uscendo dal centro cittadino ed iniziando la salita verso la Valle Cervo percorrendo tutta la strada provinciale 100 che termina proprio la sua corsa a Piedicavallo. Una piccola deviazione si è resa necessaria in località Balma, proprio sul luogo di partenza della gara “corta” (prevista anche questa alle ore 10) in quanto la strada principale è ancora interrotta dopo l'alluvione dello scorso ottobre. La lunghezza totale è di 18,7 chilometri con un dislivello positivo di 615 metri. Dalla Balma (frazione di Campiglia Cervo), invece, gli atleti dovranno affrontare i 7 chilometri più duri con un dislivello di 330 metri che culmina con l'ultima ripidissima salita finale di circa 1 chilometro. Le strade saranno aperte al traffico veicolare. Le iscrizioni sono aperte sul sito www.biellasport.net.

Tutti gli iscritti devono essere in regola con il tesseramento Fidal (o Eps) e con la visita medico-sportiva agonistica. Al momento del ritiro del pettorale a tutti gli iscritti verrà misurata la temperatura corporea e non sarà consentita la partecipazione a coloro a cui sarà riscontrata temperatura di 37,5° o superiore. Tutti i partecipanti sono tenuti a consegnare firmata l'autocertificazione Covid scaricabile dal sito www.biellasport.net. Alla partenza i concorrenti dovranno presentarsi con la mascherina che sarà indossata anche per i primi 500 metri di gara. La mascherina dovrà essere portata con sé e reindossata correttamente subito dopo aver tagliato il traguardo e da quel momento tenuta sempre, anche all'aperto.

Se non varieranno le regole imposte dal dpcm in corso, prima della partenza dal proprio domicilio, gli atleti saranno obbligati a compilare una autocertificazione che attesti la legittimità dello spostamento, giustificato dalla partecipazione a gara nazionale di corsa su strada. Nonostante le chiare problematiche legate al momento storico, gli organizzatori sono riusciti a mantenere un montepremi in denaro e tanti premi in natura per i migliori classificati grazie al prezioso apporto di numerosi partner: Officina Andrea Ramella Bon, Termoidraulica Naccarato Gianni, Sergent Major, Eurometallica, Botalla Formaggi, MA Service, Lauretana, Microtech, Menabrea e Ab Bonandini. I primi 5 uomini e le prime 5 donne della Biella-Piedicavallo e i primi 3 uomini e le prime 3 donne della Balma-Piedicavallo si divideranno un montepremi totale di ben 1750 euro. Dal 6° classificato della corsa lunga e dal 4° classificato della corsa corta, verranno consegnati ben 188 premi in natura riservati ai primi 5 di ognuna delle 9 categorie d'età della Biella-Piedicavallo e ai primi 3 di ognuna delle 9 categorie d'età della Balma-Piedicavallo.

Tutti i premi di categoria saranno distribuiti alla riconsegna del pettorale, mentre le premiazioni assolute sono previste a partire dalle 12.30 in zona traguardo. E' assicurato il servizio medico al traguardo e la presenza di una ambulanza lungo il percorso. Sul tracciato saranno i volontari dei gruppi AIB Biella Orso e Valle Cervo a vigilare sugli atleti. Compreso nel costo di iscrizione il servizio di trasporto borse dalle partenze all'arrivo, mentre per chi lo desidera è stato attivato (al costo di euro 12 a persona) il servizio navetta con bus per il rientro a Biella dopo la gara: partenza da Piedicavallo alle ore 13.30. La prenotazione deve essere fatta all'atto dell'iscrizione. Alla riconsegna del pettorale verrà fornito all'atleta il pacco gara comprendente premio di partecipazione e ristoro: è stato annullato, non essendo previsto dalle normative anti-covid il classico ristoro di fine gara tutti insieme. Lungo il percorso sono previsti posti di rifornimento idrico dove verranno consegnate bottiglie di acqua sigillata.

Nell'albo d'oro della Balma-Piedicavallo troviamo 2 vittorie per Francesco Carrera e una per Andrea Nicolo in ambito maschile, dove il record del percorso è di Carrera, a segno nel 2019 in 24'58”. Tra le donne un successo a testa per Rachele Young, Miriam Di Vincenzo e Arianna Reniero: quest'ultima nel 2019 ha chiuso in 32'13” siglando il record del percorso. Per quanto concerne la Biella-Piedicavallo il percorso è variato molte volte nel corso degli anni, anche se solo di qualche centinaio di metri in più o in meno. Il valsesiano Italo Quazzola nel 2019 ha siglato il record di quello attualmente in uso con il tempo di 1h04'28”, mentre tra le donne è Giorgia Morano a detenerlo, con il tempo di 1h17'57” nel 2018.

Nelle 39 edizioni fin qui disputate sono stati ben 30 vincitori differenti in ambito maschile e 28 in quello femminile. Vincitori multipli sono Bruno Bruera (3 volte nel 1987, 1988 e 1990), Matteo Avataneo (1984, 1991 e 1994), Franco Arese (1973 e 1974), Gianbattista Bassi (1975 e 1976), Giuseppe Moretti (1980 e 1983), Walter Durbano (1986 e 1995) e Alberto Mosca (2014 e 2018). Tra le donne il record di vittorie appartiene a due atlete che sono salite per quattro volte sul primo gradino del podio: Clara Sacchetti nel 1972, 1973, 1974 e 1976; Beatrice Distolfo nel 1991, 1994, 1995 e 1996. tre le vittorie di Lara Giardino (2001, 2016 e 2017), due quelle di Silvia Silvia Bracco Jacolino (1979 e 1980) e Margherita Zublena (1985 e 1988).

Redazione g. c.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore