/ SPORT

SPORT | 01 agosto 2020, 17:54

Edilnol Pallacanestro Biella, Atripaldi: "Il budget ridotto di 500 mila euro garantisce il futuro"

Diversi i punti toccati dal Club manager: dall'iscrizione avvenuta del club alla prossima ufficializzazione del nuovo americano fino al perchè dell'addio di coach Galbiati.

Edilnol Pallacanestro Biella, Atripaldi: "Il budget ridotto di 500 mila euro garantisce il futuro"

Pallacanestro Biella è iscritta al prossimo campionato di A2, domani l'annuncio dell'ala americana che definirà il roster stagionale e i perchè dell'addio di coach Galbiati e la promozione del suo ormai ex secondo Jacopo Squarcina. Questi itemi principali affrontati dal Club Manager Marco Atripladi nella conferenza stamopa inusulae di oggi pomeriggio 1° agosto. Un Atripaldi affaticato dagli ultimi terribili periodi e dal "sobbalzo" di pressione arteriosa di martedì scorso. Ora cinque giorni di vacanza in Toscana possono essere una vero toccasana per il dirigente rossoblù.

"Sono stati mesi, questi del lockdown -commenta il Club Manager- pesantissimi e onestamente dettati dalle poche speranze di sopravvivenza. Oggi invece siamo qui a ringraziare tante persone che hanno ancora creduto nel nostro progetto. Il budget ridotto di 500 mila euro (1,3 mln il bilancio) ci consente di sorridere anche in prospettiva futura per garantire la continuità di Pallacanestro Biella. Non è stato anche questo per nulla facile".

Dal lato sportivo lo staff ha lavorato per provare ad allestire la squadra migliore anche se "personalmente a me piace molto" precisa Atripaldi. "E poi, per non farci mancare nulla, anche l'addio di coach Galbiati e la promozione di Jacopo Squarcina". L'ormai ex tecnico rossoblù ha scelto Cremona, in serie A1 creando scompiglio nella dirigenza di Pallacanestro Biella. Proprio in un momento in cui il roster era già quasi ultimato. "Fino a febbraio è stata una grande stagione -dice ancora Atripladi- ma secondo Galbaiti questo lavoro non gli è stato riconosciuto a sufficienza. Andare a Cremona fa parte del professionismo. Di certo il clima del lockdown non ha favorito quel giusto rapporto che avrebbe dovuto esserci. Paolo si è sentito poco considerato ma la situazione che si è creata intorno in quei mesi non è stata facile da gestire. In qualche modo però l’abbiamo portata a casa. Considero Paolo un grande allenatore, prima e adesso". 

Perché Jacopo? "Il 28 luglio perdi l’allenatore -continua il Club manager- e l’unico che può allenarla è l’altro che ha partecipato alla costruzione della squadra. Ora non possiamo essere che compatti e partecipativi. Non abbiamo cercato nessuno. Squarcian per noi era la soluzione ottimale. Probabilmente abbiamo anticipato di un anno quello che poteva succedere nel 2021. Jacopo è pronto. Non l’ho sentito preoccupato a parte la sorpresa della promozione". Da sottolineare che lo stesso Galbiati ha telefonato a tutti i giocatori per spiegare la sua decisione, di fatto rasserenando molto il clima del futuro spogliatoio. Ora per i tifosi sale l'attesa di chi sarà l'americano prescelto. Poche ore e anche questo tassello verrà ufficializzato. 

Fulvio Feraboli

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore