/ CRONACA

CRONACA | 07 agosto 2014, 21:10

Lo stalker resta ai domiciliari

Respinta la richiesta di una misura cautelare meno afflittiva

Lo stalker resta ai domiciliari

Il giudice ha respinto la richiesta di una misura cautelare meno afflittiva, presentata dal 28 enne che, lo scorso giugno, è stato arrestato per stalking. Il giovane, che ora si trova ai domiciliari e indossa il braccialetto elettronico, che ne monitorizza gli spostamenti, attualmente si trova in Puglia, a casa di familiari.

I fatti risalgono a due mesi fa, quando viene fermato dai carabinieri della Polizia giudiziaria, a seguito della denuncia presentata dalla vittima, una giovane donna che lo ha reso padre di una bambina. Secondo il racconto di lei, lui avrebbe iniziato a perseguitarla, terminata la loro relazione. Oltre a seguirla dovunque andasse, in una occasione, insieme alle minacce, erano arrivate anche le botte.

“Appena ricevuto la notizia - dice la vittima -, che il mio ex compagno rimaneva domiciliari, mi sono sentita sollevata.  Sono ancora molto scossa, per l’esperienza vissuta. Vorrei però nuovamente ringraziare i marescialli Tindaro Gullo e Carlo Pavesi, per tutto quello che hanno fatto”. 

Elena Giacchero

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore