/ ECONOMIA

ECONOMIA | 31 maggio 2023, 16:23

Nova COOP presenta ai soci il bilancio del 2022

Sono chiamati al voto 599 mila soci che potranno esprimere il proprio consenso tra il 16 maggio e il 10 giugno nei punti vendita o nelle assemblee separate dei Presidi Soci Coop. Ricavi in crescita a 1,159 miliardi di euro, utile netto di 7,2 milioni di euro. Le date delle Assemblee separate dei Presidi Soci Coop di Biella e Valdilana

Nova COOP presenta ai soci il bilancio del 2022

Nova COOP presenta ai soci il bilancio del 2022

La cooperativa dei consumatori con 65 punti vendita in Piemonte e alta Lombardia, presenta il bilancio consuntivo e consolidato 2022 e chiama a partecipare al percorso di approvazione i suoi oltre 599 mila soci.

Quest’anno, per la prima volta, oltre al voto per corrispondenza, è possibile scegliere tra due modalità alternative di partecipazione: recarsi nel proprio negozio di riferimento per esprimere il voto per via elettronica su tablet nel periodo assegnato o partecipare di persona all’Assemblea separata del proprio Presidio Soci Coop di riferimento, che tornano a essere svolte in presenza dopo tre anni di interruzione.  

Le votazioni si terranno dal 30 maggio al 04 giugno presso i negozi Coop di Biella e Valdilana e nei giorni successivi attraverso le assemblee dei Presidi Soci Coop locali. I Soci Coop di Biella potranno partecipare il 9 giugno, alle 20.45, all’assemblea presso l’Auditorium Città Studi di corso Pella, 2 B a Biella. I Soci Coop di Valdilana potranno esprimere il proprio orientamento presso l’Assemblea congiunta dei Presidi Soci Coop di Borgosesia e Valdilana in programma giovedì 8 giugno alle 20.45 presso il Teatro della Pro Loco di Borgosesia in Via Geometra Sesone a Borgosesia.

Ogni socio può collegarsi al sito www.vivicoop.it o recarsi direttamente nel proprio negozio di riferimento, a partire da martedì 11 maggio, per prendere visione dell’ordine del giorno delle assemblee e dei relativi documenti illustrativi. Nei punti vendita, gli orari indicativi di voto sono: dal martedì a domenica 9.30-13.00 e 14.30-19.00, salvo specifiche variazioni di orario del negozio. Il voto permetterà anche di scegliere i Soci Coop delegati a partecipare all’Assemblea generale, che torna a essere svolta in presenza, in programma a Baveno (Vb) il prossimo 24 giugno.

Il bilancio 2022 di Nova Coop presenta un valore della produzione che si attesta a 1,159 miliardi di euro e un utile netto di 7,277 milioni di euro.

Il patrimonio netto finale ammonta a 822 milioni di euro, con un incremento rispetto alla gestione precedente di 6,8 milioni di euro.

Il ritorno alle abitudini di acquisto del passato e la ripresa graduale dei servizi di ristorazione ha portato a osservare nell’anno una forte crescita degli scontrini battuti (+6,09%) a rete assoluta e una flessione della spesa media effettuata sia per la rete ipermercati (- 5,21%), sia per quella supermercati (-1,88%).          

Il canale e-commerce www.coopshop.it ha contribuito ai risultati di bilancio con vendite lorde per oltre 12 milioni di euro e raggiunto nuove aree di copertura, fino a servire 400 comuni piemontesi (+100 rispetto al 2021), con la consegna della spesa a casa nelle province piemontesi  di Torino, Asti, Alessandria, Biella, Cuneo, Novara e Vercelli, l’apertura di un nuovo Coop Drive per il ritiro della spesa con la macchina presso l’Ipercoop di Casale Monferrato e l’installazione di nuovi Coop Locker presso gli Ipercoop di Ciriè, Chieri, Pinerolo, il superstore di Alessandria e il supermercato Coop di Torino - Corso Belgio.

Le quattro stazioni di carburante a marchio Enercoop hanno prodotto un fatturato di 114 milioni di euro.

Il bilancio consolidato 2022 del Gruppo Nova Coop registra un valore complessivo della produzione consolidata di 2,802 miliardi di euro e un utile netto consolidato pari a 7,277 milioni di euro.

Meritevole di menzione è il risultato raggiunto nel 2022 da Nova Aeg, la società di vendita di luce e gas del Gruppo Nova Coop, che nel contesto di un mercato dell’energia caratterizzato da estrema volatilità, ha registrato un forte aumento di fatturato a 1,687 miliardi di euro sostenuto anche da un incremento dei volumi venduti, che hanno superato i 6 TWh (+16% rispetto al 2021), permettendo alla compagnia di registrare un utile netto di 5,2 milioni di euro. Nel corso della gestione sono state superate le 40 mila forniture dirette a clienti domestici con i marchi EnerCasa Coop ed EnerWeb Coop previste dal piano pluriennale. Il rispetto rigoroso dei termini d’offerta dei contratti di fornitura a prezzo fisso sottoscritti prima dell’aumento dei costi dell’energia ha consentito di garantire ai clienti domestici Soci Coop un risparmio stimabile in 8 milioni di euro rispetto ai prezzi di mercato, risparmio di cui ha beneficiato anche Nova Coop per i consumi di energia elettrica e gas naturale relativi alla propria rete di vendita, per un valore pari a 28 milioni di euro.

Nell’ambito dell’esercizio 2022, la Cooperativa ha proseguito il percorso per mantenere un’alta capacità di presidio del mercato piemontese, rafforzare l’attitudine a offrire servizi sempre più qualificanti e difendere il potere di acquisto di Soci e clienti assorbendo gran parte dei rincari di listino dovuti al crescente fenomeno inflattivo – cresciuti nella media dell’anno di oltre 7 punti percentuali e assorbiti per circa il 4% – che ha determinato un incremento dei costi di funzionamento e l’aumento di quelli di produzione. I risparmi di cui hanno potuto usufruire i Soci Coop ammontano a oltre 96 milioni di euro, erogati attraverso promozioni mirate, offerte dedicate e punti catalogo. I 4.616 dipendenti di Nova Coop e i loro familiari hanno potuto beneficiare invece di misure previste dal piano di welfare aziendale per un importo pari a 1,4 milioni di euro.

In un’ottica di valore per il territorio, è stata rinnovata per il terzo anno l’iniziativa “Prodotti in Piemonte” dedicata ai fornitori regionali per favorire il consumo di qualità e il sostegno alle filiere dell’economia locale; l’iniziativa nazionale “Coop per la Scuola” ha coinvolto 3235 istituti piemontesi di ogni ordine e grado ai quali sono stati corrisposti 6.757 premi, per un valore complessivo superiore ai 630 mila euro mentre più di 14 mila studenti hanno preso parte alle iniziative organizzate per le scuole; il progetto “Buon Fine” ha permesso di recuperare prodotti non più vendibili ma ancora consumabili pari a circa 1.000 tonnellate, per un corrispettivo di valore di circa 6,9 milioni di euro, destinati ad associazioni del territorio per la preparazione di pasti presso le mense sociali o altre azioni di contrasto alla povertà alimentare.

L’ammodernamento ed efficientamento dei negozi è proseguito con un investimento complessivo di poco superiore a 6 milioni di euro. Gli interventi principali hanno riguardato la ristrutturazione con la trasformazione in Superstore dei punti vendita di Luino (Va) e Intra Verbania (Vco) e l’apertura del Drive di Casale Monferrato.

A fine anno erano 86.425 i soci prestatori della Cooperativa (+0,47% rispetto al 2021), con un’incidenza sul totale della base sociale del 14,42%. L’indice del rapporto tra prestito raccolto e patrimonio netto della cooperativa è di 0,89, un dato nettamente migliore rispetto alla media nazionale delle cooperative di consumo che, alla fine del 2022, era di 1,37.

Il Presidente di Nova Coop Ernesto Dalle Rive commenta:

«Il 2022 è stato un anno complicato dai fenomeni inflattivi che hanno condizionato in maniera rilevante la gestione di tutto il settore della grande distribuzione. Nova Coop ha reagito in maniera determinata alle nuove sfide, intraprendendo azioni per tutelare il potere di acquisto dei Soci e mantenere una marginalità adeguata. Questo bilancio presenta una Cooperativa in salute, capace di presidiare il mercato piemontese e introdurre elementi di innovazione nella politica commerciale; un’impresa che realizza un altro passo nel percorso di consolidamento e miglioramento dei propri indicatori economici e che, grazie alla sua capacità di generare ricchezza nelle diverse gestioni, ha scelto di iscrivere a bilancio il proprio portafoglio finanziario a valore di mercato, anziché a quello di carico come un decreto consentiva, per allineare a valori più reali e trasparenti  la sua consistenza nell’ambito delle politiche di bilancio della Cooperativa».           

I.P.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore