ELEZIONI COMUNE DI BIELLA
 / ATTUALITÀ

ATTUALITÀ | 01 febbraio 2023, 10:11

Il 2022 del Fondo Edo Tempia, un anno al servizio dei pazienti

Tutti i numeri della realtà guidata dal presidente Simona Tempia.

fondo tempia

Il 2022 del Fondo Edo Tempia, un anno al servizio dei pazienti

Più di 6.500 tra visite e test gratuiti di prevenzione, 15.900 esami di screening eseguiti in collaborazione con Asl e Regione, oltre centomila chilometri percorsi dal servizio di trasporti a beneficio dei pazienti con problemi a raggiungere ospedali e centri di cura, circa 2.800 colloqui svolti dalle psicologhe tra Biella, Gattinara e Vercelli, sedici milioni di basi di Dna sequenziate per individuare mutazioni nelle cellule tumorali e indirizzare le terapie: sono numeri sempre più grandi quelli che il Fondo Edo Tempia ha garantito nel 2022 nel suo impegno per la prevenzione, la cura, l’assistenza e la ricerca sui tumori.

«È un impegno quotidiano» dice la presidente Simona Tempia «che ci piace sintetizzare con i dati in occasione del 4 febbraio, la giornata dedicata in tutto il mondo alla consapevolezza e all’informazione sul cancro. Soprattutto, è un risultato che non sarebbe possibile senza il sostegno delle centinaia di persone che, altrettanto quotidianamente, scelgono noi per esprimere la loro vicinanza ai pazienti e alle loro famiglie. Nel 2022 abbiamo ricevuto oltre 4.600 donazioni, senza contare le più di 17mila firme per il 5xmille. Voglio ringraziare uno per uno i protagonisti di questo mare di generosità».

Il sostegno dei donatori si trasforma in servizi per le persone. Gli ambulatori gratuiti di prevenzione hanno incrementato del 18,3 per cento le loro prestazioni rispetto al 2021, con nuovi servizi come le consulenze genetiche che possono essere richieste dagli specialisti e picchi per i prelievi del Psa e le visite urologiche: «Questo è un ottimo segnale» sottolina il direttore sanitario Adriana Paduos «perché storicamente i maschi sono meno propensi a dedicare attenzione alla loro salute rispetto alle donne, mentre per tenere sotto controllo la prostata bastano pochi minuti e un esame del sangue».

È salito anche il numero di visite dermatologiche, da sempre quelle con più richieste, superiori alle prestazioni messe a disposizione: «Vorremmo fare ancora di più» aggiunge Paduos «ma effettuare il controllo dei nei a quasi 2.500 persone ogni anno è certamente un ottimo risultato». Sono in lieve flessione i numeri dello screening dopo la prepotente risalita del 2021 in cui si erano superati i livelli pre-pandemia. Restano cifre importanti per questo servizio di prevenzione che il Fondo Edo Tempia assicura in collaborazione con le Asl di Biella e Vercelli e su mandato della Regione: 7.518 mammografie, 5.310 test citologici, 3.072 esami al colon-retto.

«L’appello è alle persone che ricevono a casa la lettera d’invito perché fissino un appuntamento» dice Adriana Paduos. «È un servizio gratuito e importante e, proprio grazie alla diagnosi precoce, il tasso di sopravvivenza di chi si ammala di tumore è in costante crescita negli anni». Il Fondo Edo Tempia offre sostegno alla sanità pubblica anche attraverso diagnosi e cure. Il laboratorio di oncologia molecolare è convenzionato con ospedali di cinque province per sostenere gli specialisti nella scelta di una terapia più accurata attraverso un test specifico di caratterizzazione molecolare: ne sono stati eseguiti 990 nel 2022, una mole di lavoro che ha richiesto 2.100 ore di funzionamento delle apparecchiature di ultima generazione di cui la struttura dispone.

«Sono numeri» rimarca Viola Erdini, presidente della Fondazione Tempia «che confermano il peso dei nostri laboratori di genomica e oncologia molecolare. Sono nati per la ricerca, un settore in cui raggiungono risultati di rilievo anno dopo anno in collaborazione con il mondo della scienza e della medicina. Ma è essenziale il sostegno al lavoro quotidiano dei medici per rendere sempre più personalizzate le terapie attraverso la diagnosi». L’accompagnamento al fine vita per i pazienti per i quali scienza e medicina non può fare altro si esprime nel lavoro dello staff messo a disposizione della struttura di cure palliative dell’Asl di Biella e in quello dell’hospice Casa Tempia di Gattinara, gestito sotto la supervisione e il coordinamento dell’azienda sanitaria di Vercelli. Qui in un anno sono stati accolti 255 malati mentre ben più numerose, e in crescita rispetto al 2021, sono state le terapie a domicilio: 2.498 in dodici mesi in tutto il territorio vercellese. Prendersi cura significa occuparsi della persona e non solo della malattia: il Fondo Edo Tempia realizza questo proposito ogni giorno anche grazie al lavoro del centro di ascolto psicologico e delle professioniste messe a disposizione delle aziende sanitarie a Biella e Vercelli e all’hospice di Gattinara.

I colloqui nel 2022 sono stati 2.808 che comprendono il lavoro nella sede di via Malta 3, dove le professioniste seguono anche le famiglie assistite dal Progetto Bambini, i corsi antifumo e la formazione continua dei volontari, quello a Casa Tempia e sul territorio vercellese e il sostegno al servizio di psiconcologia dell’Asl di Biella. Se il sostegno dei donatori è indispensabile, altrettanto prezioso è l’impegno dei volontari: nel 2022 si sono riaperte le porte dei reparti ospedalieri dove le squadre del Fondo Edo Tempia prestano servizio. In poco più di metà anno sono state messe a disposizione 2.205 ore di presenza in aiuto ai pazienti che si presentano agli sportelli di oncologia e day hospital. Allo stesso modo è salito l’impegno dei volontari dei trasporti: il loro compito è accompagnare nei luoghi di diagnosi e cura coloro che non hanno altri mezzi per arrivarci. Dalle sedi di Biella e Ponzone le auto sono partite per 1.535 volte percorrendo 104.111 chilometri al servizio di 154 pazienti.

Comunicato stampa g. c.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore