/ ATTUALITÀ

ATTUALITÀ | 22 maggio 2020, 15:11

Comunità fragile, nuovi progetti sostenuti da Fondazione e Banca Simetica

Comunità fragile, nuovi progetti sostenuti da Fondazione e Banca Simetica

Prosegue l’illustrazione dei progetti sostenuti da Fondazione e Banca Simetica nell’ambito del bando “Comunità fragile” per le persone in difficoltà.           

Progetto “#lontanimavicini” Consorzio sociale il filo da tessere

Il Consorzio sociale il filo da tessere viene costituito nell’anno 2000 da 4 cooperative biellesi che operano nell’ambito dei servizi alla persona e dell’integrazione lavorativa di persone in situazione di disagio. È ente accreditato per i Servizi al lavoro, per la Gestione del Servizio Civile Nazionale e per il Servizio di Volontariato Europeo. Realizza attività di promozione territoriale per lo sviluppo di politiche sociali, del lavoro, dell’accoglienza avendo un ruolo attivo nella coprogettazione con attori pubblici e privati del territorio. Il Consorzio Filo da Tessere è luogo di condivisione di idee, obiettivi e risorse, di integrazione delle conoscenze e delle professionalità. Vuole essere “Consorzio di Comunità, soggetto promotore di iniziative di carattere sociale e culturale che agisce in sinergia con le altre realtà territoriali sociali, imprenditoriali, pubbliche e del Terzo Settore presenti sul territorio".

Il Consorzio è composto da 7 cooperative sociali: Cooperativa Domus Laetitiae, Cooperativa Tantintenti, Cooperativa Sportivamente, Cooperativa Raggio verde, Cooperativa Vedogiovane, Cooperativa Maria Cecilia, Cooperativa Indaco e da 1 cooperativa/agenzia formativa Finis Terrae. Le attività del Consorzio si svolgono delle Province di Biella, Novara, Verbania, Vercelli e Torino. Le Cooperative socie gestiscono servizi per persone con disabilità, per minori ed anziani; offrono opportunità a persone in situazione di disagio e di svantaggio. Il Filo da Tessere è parte della più grande rete italiana di imprese sociali Consorzio Gino Mattarelli, una rete estesa su 20 regioni, composta da circa 800 cooperative ed imprese sociali per un totale di oltre 42000 lavoratori. Aderisce a ConfCooperative ed a Federsolidarietà.  

#lontanimavicini – il progetto

Il progetto intende far fronte all'emergenza che stiamo vivendo legata all'espandersi del COVID-19 attraverso la promozione ed erogazione di servizi a domicilio e on line. I servizi sono prenotabili attraverso una piattaforma dedicata www.biellawelfare.it pensata inizialmente per servizi di welfare aziendale ma appositamente adeguata in seguito a questa emergenza, per garantire l'accessibilità e la fruibilità da parte di tutti. In particolare, si intendono promuovere e gestire nel rispetto della normativa vigente: · servizi rivolti a persone anziane e/o sole che necessitano di assistenza domiciliare, consegna farmaci a domicilio o servizi infermieristici a domicilio · disbrigo di piccole pratiche (ritiro esami, documenti…) · servizi di assistenza domiciliare e supporto on line per persone con disabilità · servizi on line per minori e famiglie · servizi di consegna pasti o consegna spesa a domicilio · servizi di supporto per la gestione degli animali domestici Grazie ai finanziamenti raccolti potremo ridurre o abbattere totalmente il costo dei servizi per i cittadini che potranno beneficiare di buoni sconto erogati ad hoc. L’utilizzo del sistema on line di prenotazione dei servizi consente ai cittadini di prenotare il servizio rapidamente, ricevere le richieste tempestivamente e tracciare tutte le transazioni.

Alcuni beneficiari potrebbero avere delle difficoltà legate alle modalità di accesso ai servizi poiché è necessario utilizzare strumenti informatici e tecnologici. Per questo, oltre ad un tutor on line ed una mail – biellawelfare@ilfilodatessere.com,  si è istituito un numero dedicato 345 752 6756 al quale risponde un operatore in grado di fornire, non solo delucidazioni in merito ai servizi, ma anche tutte le istruzioni necessarie alla registrazione per una corretta fruizione del servizio. Vista la novità della situazione e lo stato di emergenzialità, è necessario verificare e valutare continuamente l'andamento dei servizi offerti riadattandoli ai nuovi bisogni che emergeranno e/o ai nuovi decreti e regolamenti attuativi che via via verranno emanati.    

Dichiarazione referente Federica Collinetti Da anni ci occupiamo di persone e di servizi, per questo con l’apertura dello stato di emergenza e l’avvio le restrizioni connesse, capendo quale impatto avrebbero avuto sulla cittadinanza ed in particolare sulle persone più fragili, abbiamo pensato che non potevamo sottrarci dal cercare modalità per poter garantire vicinanza e prossimità alla nostra comunità Grazie al contributo della Fondazione CRB che da subito si è attivata per supportare questa ed altre iniziative analoghe e grazie ad altre donazioni private riusciamo a garantire servizi che in questa fase sono fondamentali per tutelare i cittadini.  

Dati tecnici e info COSTO PROGETTO € 10.000 CONTRIBUTO € 10.000

Per informazioni e contatti: biellawelfare@ilfilodatessere.com cell: 345 752 6756    

SOCIETÀ COOPERATIVA DI SOLIDARIETA’ SOCIALE LA FAMIGLIA Progetto “Il punto Animal Friendly”   La Cooperativa di Solidarietà sociale La Famiglia La cooperativa di Solidarietà Sociale La Famiglia opera dal 1986 sul territorio biellese nei servizi di assistenza socio assistenziale alle persone, singoli e nuclei che versano in condizioni di indigenza economica, sociale educativa. Con più di 100 soci opera nei servizi sociali, nell’assistenza domiciliare ed educativa di territorio, nel settore della prima infanzia, dell’adolescenza e dell’educazione. Col passare del tempo, l’impoverimento del tessuto sociale ed economico del territorio biellese ha visto la cooperativa impegnarsi nell’individuazione di percorsi alternativi fondati sul welfare di prossimità e comunitario, nella convinzione che possa essere la comunità stessa, ancora prima dello Stato a prendere per mano chi rimane indietro accompagnandolo in percorsi di reinserimento sociale in collaborazione con le agenzie di territorio, gli Enti ed i Servizi Socio Assistenziali.

Attraverso numerosi progetti di solidarietà dal basso ha notevolmente incrementato una rete territoriale fatta di tanti singoli donatori, persone fisiche, esercizi commerciali capaci di diventare partners di progetto investendo in azioni di solidarietà finalizzate sempre al mantenimento dei livelli minimi essenziali di vita per le famiglie in condizioni economiche precarie, spesso con bambini, per gli anziani e per i soggetti fragili a grave rischio di esclusione sociale se non già cronicizzati nell’emarginazione. La cooperativa anche attraverso l’organizzazione di Volontariato Legami di Cuore, nata dalla volontà di mettere insieme tutte queste energie, ha portato avanti politiche sociali di inclusione innovative ed uniche in Italia dove gli stakeholders sono sempre più spesso i singoli cittadini riuniti in progetti comuni di solidarietà attraverso i mezzi di comunicazione quali facebook, cassa di risonanza delle iniziative e strumento di diffusione e circolarità della trasparenza della realizzazione degli step progettuali con relativa indicazione degli importi raccolti ed automaticamente investiti.

Il Punto Animal Friendly è uno di queste. Il primo servizio sociale privato che garantisce supporto informativo ed economico nel mantenimento degli animali d’affezione per tutti coloro che non hanno disponibilità economiche. Cani e gatti sono spesso i primi compagni di vita per tante persone, elemento unico di socializzazione e capace di mantenere vivo quel voler prendersi cura che è alla base del rallentamento di ogni processo di destrutturazione della vita sociale. Attraverso il progetto Punto Animal Friendly la Cooperativa ha rafforzato con l’aiuto della Fondazione tutti i servizi di supporto a politiche sociali di inclusione dell’animale domestico nella vita quotidiana in un periodo dove l’isolamento sociale, l’impoverimento economico e le conseguenti ricadute sugli stati emotivi fanno diventare quest’ultimo elemento di sollievo da tutelare per tutelare l’individuo stesso. Il progetto si propone di rafforzare le politiche di sostegno nel buon governo degli animali d’affezione con azioni rivolte al mantenimento alimentare, all’erogazione di contributi destinati al pagamento diretto di visite veterinarie ed acquisto di farmaci d’uso veterinario. Non solo, il progetto ha previsto di impegnare volontari e stagisti nell’opera di sostegno al mantenimento dell’animale domestico in tutti i casi di singoli o nuclei in situazioni di quarantena per via del covid.19

Nell’opera quotidiana di soccorso alle famiglie e singoli richiedenti aiuto si è cercato in molti casi di sostenere l’intero nucleo seguito già dai sevizi o di nuova identificazione in stretta collaborazione coi servizi sociali di territorio stessi Ecco dunque che cani e gatti diventano spesso motivo di accesso ai servizi da parte di persone che non hanno il coraggio di indirizzarsi per la prima volta ed in modo imprevisto verso progetti di tutela sociale mai previsti nei propri piani di vita. Il progetto impegna volontari e persone che hanno perso il tirocinio lavorativo garantendo una piccola borsa lavoro. Il Punto Animal Friendly ha il patrocinio gratuito del Comune di Biella ma presta il suo soccorso su tutto il territorio del biellese occidentale ed orientale collaborando con i servizi sociali di territorio degli enti consortili e le associazioni locali. Tutti i contributi erogati per sostenere le cure agli animali d’affezione sono esclusivamente provenienti da erogazioni private, donazioni, partecipazioni ad eventi e creazione di progetti innovativi dir raccolta fondi come il Charity Shop di Massazza Moda Randagia.  

Dichiarazione Marinella Artioli Presidente della Cooperativa Cani e gatti sono soggetti attivi e presenti della vita e chi lavora nel sociale a contatto diretto con l’utenza sa bene come questi siano spesso non solo membri importanti del nucleo ma unici compagni di viaggio in situazioni di isolamento sociale e psicologico. Abbiamo il dovere di garantire soprattutto ora a tutti i biellesi il diritto di ricevere sostegno ed amore da queste creature che troppo spesso o sempre non sono riconosciute dal sistema di protezione sociale. In questo siamo davvero grati alla Fondazione Cassa di Risparmio di Biella che insieme al Comune ed in particola modo all’Assessorato alla Tutela degli Animali sta dimostrando grande sensibilità verso questa tematica in un periodo tanto difficile per ognuno di noi.

Dati tecnici e info COSTO PROGETO € 7.000 CONTRIBUTO  € 5.000

comunicato - f.f.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore