/ ECONOMIA

ECONOMIA | 14 ottobre 2018, 07:00

Wuhan chiama Italia parte terza: La Cina vuole prodotto artigiano di qualità

Il meeting si è svolto mercoledì 10 ottobre, nella sede di Confartigianato. Questo il messaggio lanciato dal terzo incontro tra la struttura cinese ITAWAY e Confartigianato Biella

Foto Fighera/Benedetti

Foto Fighera/Benedetti

La Cina vuole un prodotto artigiano di qualità. Questo il messaggio lanciato dal terzo incontro tra la struttura cinese ITAWAY e Confartigianato Biella durante il meeting di mercoledì 10 ottobre, che si è svolto nella sede dell'associazione biellese. A fare gli onori di casa Cristiano Gatti, Andrea Fortolan e Massimo Foscale, rispettivamente presidente, vicepresidente e direttore di Confartigianto Biella, che hanno accolto il presidente di ITAWAY, mister Liu Song, e la sua assistente Giulia Zhu. All'incontro sono intervenuti il presidente della Camera di Commercio Biella Vercelli, Alessandro Ciccioni, ed il creative director Pierangelo D’Agostin.

"Questo incontro, a differenza dei precedenti incentrati sul settore tessile - dice  Cristiano Gatti - ha riguardato Confartigianato a 360 gradi, nel senso che tutte le imprese del nostro mondo, 90 categorie e 500 mestieri, possono essere coinvolte nel progetto Cina. Abbiamo concretizzato i meeting precedenti per dare la possibilità alle nostre aziende di essere ospiti per un anno nelle due strutture di ITAWAY a Ton Ling e Wuhan".

Gatti entra nello specifico: "Nel 2019, all'interno di Wuhan, una metropoli di 20 milioni di abitanti, sorgerà una "mini" città di 250mila persone ed un'area dedicata all'artigianato italiano di nome ITAWAY. Le imprese interessate possono contattarci. La Cina sta assaporando l'Italia che non conosce: noi saremo il contatto con ITAWAY che valuterà se la proposta può avere mercato in Cina nel 2019".

E porta esempi concreti: "Oggi abbiamo parlato di formaggi tipici, che in questo momento non sono graditi in Cina, quindi un'impresa del settore non può avere grandi risultati nel breve periodo. Il nostro canale di valutazione è aperto alle imprese di tutta Italia: vogliamo essere il motore delle aziende verso la Cina".

Dall'altra parte c'è voglia di Made in Italy, come conferma mister Liu Song: "Negli ultimi anni, la Cina ha avuto un boom economico grazie al quale il consumatore cinese ha elevato la richiesta, ricercando know-how e qualità nel prodotto che lo distingua da quello di massa e da quello industriale. Il prodotto artigianale italiano è riconosciuto in tutto il mondo per qualità e unicità, ed il consumatore cinese ricerca lo spirito artigianale che racchiudono i prodotti dell'eccellenza italiana".

L'opportunità cinese è condivisa da Alessandro Ciccioni: "La Cina rappresenta una straordinaria occasione, ma il mercato è talmente grande e variabile che è necessario focalizzarne le nicchie in cui i nostri prodotti possono collocarsi. I gusti dei consumatori cinesi non sono i nostri, quindi un'attenta analisi di queste loro preferenze  è determinante  per evitare alle nostre aziende investimenti errati".

Come affrontare il mercato cinese lo spiega il designer Pierangelo D’Agostin, esperto di mercati orientali: "Per presentarsi al meglio bisogna innanzitutto cercare di comunicare il prodotto e la sua storia, e poi affinare il prodotto. Occorre anche capire la cultura cinese, cosa e dove stanno cercando, qual'è il loro sogno, allo scopo di creare un pacchetto completo del prodotto, con la sua immagine da mostrare e la sua storia da raccontare".

Leggi qui le news collegate:
http://www.newsbiella.it/2018/06/26/sommario/valli-mosso-e-sessera/leggi-notizia/argomenti/attualita-1/articolo/wuhan-cina-chiama-italia-con-itaway-cina-piu-vicina-per-imprenditori-italiani.html

http://www.newsbiella.it/2018/07/24/leggi-notizia/argomenti/economia-2/articolo/biella-continuano-gli-incontri-tra-confartigianato-e-strutture-commerciali-cinesi.html

http://www.newsbiella.it/2018/09/29/leggi-notizia/argomenti/economia-2/articolo/made-in-italy-sul-territorio-cinese-la-missione-di-confartigianato-biella-fotogallery.html

Alessandro Bozzonetti

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore