/ Newsbiella Young

Newsbiella Young | 10 aprile 2022, 07:40

Società di single ???

Sempre più persone scelgono la vita da single: la coppia ci spaventa, troppo impegnativa…

La professoressa Elena Viotti

La professoressa Elena Viotti

Molti considerano pericoloso innamorarsi e, peggio ancora, vivere una relazione di coppia. Complice il periodo storico post covid, che ha rotto parecchie relazioni sociali costringendoci a vivere nella solitudine che, non essendo più quel mostro temibile di anni indietro, è quasi preferita a una relazione logorante.

Non siamo più abituati a sopportare o forse supportare il partner? L’isolamento sociale della pandemia ci ha per caso insegnato che stare da soli non è poi così male? In fondo, possiamo fare tutto ciò che ci aggrada senza dover darne conto a qualcuno, uscire, divertirsi, tornare all’ora che vogliamo, incontrarsi e incontrarci.

Ci dicono gli esperti che molto dipende dal tipo di legame che intendiamo instaurare! Da una recente indagine emersa su alcune riviste americane di settore, pare che la maggior parte degli intervistati lamenti un rapporto insicuro con il proprio partner costruito su visioni differenti dell’approccio alla vita, oppure su pretese che non possono essere soddisfatte, come vicinanze soffocanti o dipendenze da social.

Stare insieme dovrebbe fornire un valore aggiunto alla persona, renderla sicura, appagata, sentirsi amata, poter svolgere con chi ami attività che prima facevi da solo, e sapere che, qualcuno sarà sempre al tuo fianco, pronto a sorreggerti nei momenti di buio, per trovare e cercare insieme una soluzione che porta entrambi verso la luce.

Invece i rapporti tossici sono quelli che spesso fanno scappare uno dei due dalla coppia, che lo obbligano a rifugiarsi dentro se stesso, che lo rendono pieno di paura: mi riferisco ai sempre più numerosi casi di stalking che possiamo leggere ormai purtroppo quotidianamente su giornali e riviste. Sfociano poi in omicidi o atti persecutori nei confronti di una vittima di violenza che spesso tace, per timore di ulteriori rivendicazioni.

Ma se l’amore è anche prendersi cura dell’altro, per quale motivo in certi individui scatta l’idea del possesso? Per questo forse si sceglie la strada della solitudine, piuttosto che rischiare simili comportamenti vessatori?

A parte la considerazione che certi dovrebbero affidarsi immediatamente alle terapie di esperti nel settore psicologico e psichiatrico, prima di perpetrare atti lesionistici sulla salute di terzi o la propria, ma è davvero necessario trasformare un sentimento che dovrebbe riempire l’animo umano di gioia, in una coercizione fine a stessa?

Se desideri rimanere nel mondo innovativo del potere personale, seguici sulla nuova pagina INSTAGRAM Key words. O sul sito: keyslechiavidilettura.it Ti aspettiamo!

Professoressa Elena Viotti

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore