/ Terza età

Terza età | 22 settembre 2022, 19:20

Oltre 40 partecipanti al Caffè del Benessere su Artrosi Cervicale

Oltre 40 partecipanti al Caffè del Benessere su Artrosi Cervicale

Oltre 40 partecipanti al Caffè del Benessere su Artrosi Cervicale

Oggi, Giovedì 22 Settembre, presso il salone del Nuovo Oratorio della Parrocchia di Cossila San Grato, Biella,  nell’ambito del Caffè del Benessere organizzato dall’Associazione ANZITUTTO in collaborazione con Parrocchie Valle Oropa, Bar Cossila San Grato, Associazione Soggiorno Anziani Favaro, Auser Biella, col supporto della 3Bi - Biblioteca Biomedica Biellese si è parlato di artrosi cervicale, con relatore  il dr. Giovanni Poggi, Medico Fisiatra .

Le relazioni sono state precedute da una breve presentazione del geriatra Debernardi, presidente di Anzitutto.

Il dr. Poggi ha iniziato spiegando l'anatomia della colonna cervicale che comprende non solo le vertebre ma anche i muscoli e i legamenti. All'interno delle vertebre si trova il midollo spinale da cui fuoriescono le radici dei nervi. Tra le vertebre ci sono i dischi intervertebrali.  Circa il 75% delle persone soffre di carvicalgia, soprattutto tra i 40 e i 60 anni. È una delle cause maggiori di spesa farmaceutica. Nell'artrosi cervicale si creano alterazioni ossee, il disco si disidrata, si creano protuberanze ossee che comprimono i nervi. Cause dell'artrosi cervicale: invecchiamento, posizioni sbagliate davanti a computer, sforzi eccessivi e ripetuti, traumi, colpi di frusta,  artrite reumatoide, deviazioni della colonna. Anche ansia e depressione possono peggiorare la patologia. Sintomi: dolore nuca e collo, rigidità, riduzione dei movimenti, rumori articolari, mal di testa, nausea, giramenti di testa nei cambi di posizione. A volte il dolore si irradia al braccio fino alle dita della mano (cervicobrachialgia). Il primo esame da fare è la radiografia che può essere sufficiente per la diagnosi ed è indispensabile prima di  eventuali manipolazioni. Tac e risonanza magnetica solo successivamente. Per valutare la sofferenza del nervo sarà utile una elettromiografia. Quindi una disanima sui farmaci utilizzati, dagli antinfiammatori ai miorilassanti, ai cortisonici, con la spiegazione del loro meccanismo d'azione e degli effetti collaterali. Anche il paracetamolo come antidolorifico può essere utilizzato. Attenzione agli oppiacei, soprattutto negli anziani. Le terapie strumentali sono purtroppo soprattutto sintomatiche. Utili i massaggi, i trattamenti osteopatici. Anche l'agopuntura può essere utile ma anch'essa è solo sintomatica. Un aiuto può venire anche dalle  cure termali. I neurotaping (specie di cerotti) possono essere di aiuto. I collari cervicali sono indicati solo nelle fasi acute. Importantissima la ginnastica posturale che ognuno può fare in autonomia, quotidianamente a casa propria. Anche yoga, pilates, uso di cuscino idoneo sono indicati. Alla fine, dopo dibattito con il pubblico (oltre  40 persone), il tradizionale caffè offerto dagli organizzatori. 

Il prossimo Caffè del Benessere si svolgerà sempre al salone del Nuovo Oratorio della Parrocchia di Cossila San Grato giovedì 20 Ottobre sempre dalle 15 alle 17 ed avrà come argomento "Le questioni aperte per le cure alla fine della vita" con Relatore il dr. Carlo Peruselli, Medico Cure Palliative.

c.s.Segreteria di Anzitutto, s.zo.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore