/ ECONOMIA

ECONOMIA | 27 febbraio 2024, 10:51

Reddito imprese, Coldiretti Vercelli-Biella in piazza a Bruxelles

Servono risposte tempestive alle necessità delle nostre aziende e per scardinare quei regolamenti che non hanno senso

Reddito imprese, Coldiretti Vercelli-Biella in piazza a Bruxelles

Reddito imprese, Coldiretti Vercelli-Biella in piazza a Bruxelles

Stop alla burocrazia e all’aumento dei costi che danneggiano gli agricoltori italiani, incrementare gli aiuti alle aziende per contrastare la crisi e l'aumento dei tassi di interesse, garantire una moratoria sui debiti, rafforzare la direttiva europea contro le pratiche sleali e cancellare definitivamente l’obbligo dei terreni incolti.

Sono solo alcune delle proposte del Piano presentato dalla Coldiretti in occasione della manifestazione a Bruxelles, concomitante al Consiglio dei Ministri agricoli sulla proposta di semplificazione della Pac, con migliaia di agricoltori dove era presente in anche Coldiretti Vercelli-Biella con una delegazione rappresentata dai vicepresidenti Roberto Mercandino e Livio Rigazio.

“Siamo qui – hanno spiegato Mercandino e Rigazio - per chiedere risposte esaustive in tempi certi alle necessità delle nostre aziende e scardinare quei regolamenti che non hanno senso. Per questo abbiamo messo in campo un lavoro costante di mobilitazione, ma anche di rapporto diretto con le istituzioni europee. Una grande organizzazione come la Coldiretti ha il dovere di trasformare la protesta in proposte concrete, nella consapevolezza che la maggior parte delle battaglie cruciali per il futuro delle nostre campagne si combattono proprio a Bruxelles. Proprio per questo Coldiretti ha predisposto un documento strategico anche sulla Pac dei prossimi anni, che deve essere semplice e in linea con le necessità delle imprese per dire basta alla contrapposizione tra agricoltura e ambiente voluta da Timmermans”.

“Chiediamo che sull’import ci sia un netto stop all’ingresso di prodotti – proseguono il Presidente Roberto Guerrini e il Direttore Luciano Salvadori - da fuori dei confini Ue che non rispettano i nostri stessi standard garantendo il principio di reciprocità delle regole, poiché non possiamo più sopportare questa concorrenza sleale, che mette a rischio la salute dei cittadini e la sopravvivenza delle imprese agricole. E’ urgente porre fine all’aumento di adempimenti, obblighi e costi per le aziende agricole legati all’applicazione della condizionalità ambientale. Norme troppo stringenti e spesso svincolate dalla realtà che ne hanno reso di fatto impossibile l’applicazione nelle campagne, già colpite dall’aumento costante dei costi di produzione e un corrispondente calo dei prezzi agricoli. Chiediamo, dunque, di eliminare le eventuali sanzioni a carico degli agricoltori per il 2024 e il 2025 e di procedere alla cancellazione definitiva dell’obbligo di tenere il 4% di terreni incolti, in quanto la semplice deroga non è sufficiente”.

c.s.coldiretti, s.zo.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore