/ Benessere e Salute

Benessere e Salute | 27 febbraio 2024, 09:23

"Ama il tuo fegato", in un anno oltre mille cittadini si sono sottoposti allo screening gratuito

Obiettivo è la diagnosi precoce delle patologie: individuate nel 19% dei casi alterazioni lievi o gravi

"Ama il tuo fegato", in un anno oltre mille cittadini si sono sottoposti allo screening gratuito

"Ama il tuo fegato", in un anno oltre mille cittadini si sono sottoposti allo screening gratuito

Il progetto AMA IL TUO FEGATO è nato nel mese di febbraio 2023 e consiste in un programma di diagnosi precoce con l’obiettivo di intercettare persone con malattia epatica non diagnosticata, mediante una serie di “Open Day” gratuiti per l’esecuzione di esami di elastografia epatica, ai cittadini con un’età superiore ai 40 anni.

In questo anno di attività sono stati sottoposti all’esame gratuito 1100 cittadini, nel 17,2% dei casi, cioè 190 persone, è stato riscontrato un valore alterato che ha comportato l’indicazione di accertamenti successivi e nell’1,8% (20 persone) è stata rilevata un’alterazione di tipo grave.

Il Progetto è stato messo a punto grazie alla collaborazione tra la Direzione delle Professioni Sanitarie ASL BI, la Struttura Complessa Ser.D. ASL BI, l’Area Territoriale ASL BI, e la Struttura Complessa Medicina Interna ASL BI. Responsabile scientifico del Progetto è il dottor Paolo Scivetti, specialista delle malattie del fegato e Dirigente Medico della S.C. Medicina Interna ASL BI. Il Referente infermieristico del Gruppo di lavoro è Lorena Zanchetta, Coordinatrice della S.C. Ser.D ASL BI.

L’attività di screening si svolge ogni venerdì̀, interessando diverse strutture del territorio biellese come le Case della Salute e le Case di Comunità; fino ad oggi, è stato attivo nelle sedi di Biella, Ponzone - Valdilana, Vigliano Biellese e Cossato. Dal 1° marzo l’ambulatorio sarà invece disponibile presso la Casa della Salute di Cavaglià.

Il progetto nasce dalla consapevolezza che nella maggior parte dei casi le malattie del fegato non manifestano sintomi per lungo tempo; per questo motivo le persone spesso non sono consapevoli delle condizioni in cui si trovano fino a quando iniziano a stare male. La diagnosi avviene quindi in fase avanzata quando compare la sintomatologia, talvolta quando è già presente un tumore.

Il tumore del fegato è il terzo per mortalità nell’uomo dopo gastroenterico e polmone. La sopravvivenza varia da 80% a 5 anni, se curato nelle fasi iniziali, a meno del 20% a 5 anni, se diagnosticato in fase avanzata. La diagnosi precoce è possibile solo se i soggetti a rischio (cirrotici e portatori di epatite B) seguono un programma di “sorveglianza”.

 AMA IL TUO FEGATO permette di individuare in modo precoce alterazioni dei valori epatici attraverso un esame indolore e rapido, eseguito tramite il FibroScan, un dispositivo acquistato nel corso del 2022 grazie al contributo dell’Associazione Amici dell’Ospedale di Biella. Inoltre, i partecipanti sono sottoposti anche allo screening dell’epatite C (HCV), all’interno di un progetto nazionale volto ad individuare tra la popolazione le infezioni non diagnosticate.

L’esame viene eseguito da personale infermieristico specificamente formato, con consegna dell’esito immediata. Contestualmente all’indagine diagnostica, l’Infermiere effettua un’attività di informazione al cittadino, stimolandone l’autoconsapevolezza riguardo agli stili di vita praticati e promuovendone di nuovi e salutari se necessario.

Il progetto è attivo anche per il 2024, attualmente nella sede della Casa della Salute di Cavaglià ed è possibile prenotare l’appuntamento scegliendo il giorno e l’orario al seguente link:

https://calendar.google.com/calendar/u/0/appointments/schedules/AcZssZ1ZafNFa_-2KPgETesO2qAjUVtOrCuxkdKzZR1WP2CPF4Nzb4vlFj2CLl3JHESbPgBtp571HMuz

c.s.asl biella, s.zo.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore