/ Biella

Biella | 25 febbraio 2024, 07:30

“Sa limusina no at mai impoberidu a niunu” / “L’elemosina non ha impoverito mai nessuno”

Dìcios e Peràula de Deus / Proverbi e Parola di Dio con Su Nuraghe

Helianthemum tuberaria Mill. Nome italiano: Fior di gallinaccio maggiore – Foto Archivio Biblioteca Comunale G.M. Dettori Tempio Pausania

Helianthemum tuberaria Mill. Nome italiano: Fior di gallinaccio maggiore – Foto Archivio Biblioteca Comunale G.M. Dettori Tempio Pausania

 

“Sa limusina no at mai impoberidu a niunu” / “L’elemosina non ha impoverito mai nessuno”Dìcios e Peràula de Deus / Proverbi e Parola di Dio" è l'appuntamento mensile tra il Circolo culturale sardo “Su Nuraghe” di Biella e il Circulo sardo “Antonio Segni” di La Plata (Argentina) con "Dìcios e Peràula de Deus / Proverbi e Parola di Dio".

 

Il proverbio sardo: l’elemosina, non ha mai impoverito nessuno, ci svela quanto i nostri avi credessero che il dare ai poveri fosse opera buona. Infatti, nel far parte di ciò che avevano, dicevano che lo davano per l’anima, a mo’ di “caparra”, per assicurarsi il godimento nell’altra vita.

Presentada de su dìciu: “Sa limusina no at mai impoberidu a niunu”.Su dìciu: “Sa limusina no at mai impoberidu a niunu”, nos iscobiat cantu sos mannos nostros creiant chi su de dare a sos poberos fit opera bona. Difatis, sendhe faghindhe parte de su chi teniant, naraiant chi lu fint dendhe pro s’anima, a zisa de “cabarra”, pro si assigurare su gosu in s’àtera vida.

Dìcios e Peràula de Deus. “Sa limusina no at mai impoberidu a niunu” naraiant sos mannos nostros e bi creiant deabberu. Difatis, no aisetaiant chi lis aerant tzocadu sa gianna sos chi andhaiant a pedire, ma giughiant, o mandhaiant, a sos poberos parte de ogni cosa chi teniant. “Custu est pro s’anima”, fit su narrer issoro sendhe chi fint ammanitzendhe sa cosa de dare, esserat pane, appena bogadu dae su furru, o peta, binu, frutuariu, o druches.

Oe, die de sas chijinas, cumintzat sa Caresima e tra sos cussizos chi sa Cheja dat pro la viver’ bene, umpare a sa pregadoria, a su diunzu, a astinentzia e a sa penitentzia, b’est puru cussu de fagher’ sa limusina.In sa Peràula de Deus si faedhat de precuente de limusina e s’evangelista Mateu nos narat chi si devet fagher’ a s’acua, chentza betare su bandhu. Addiritura, narat chi “su faghet sa manu dereta no l’iscat sa manu manca”. 

Sa limusina fata chentza s’aisetare bàntidos dae sa zente est sa chi piaghet a Deus, cussa chi bidet Isse ebbia e dae Isse at a esser recumpensada (Cfr Mt 6, 2-4). E santu Paulu, in sa de sas Duas Literas a sos Corintos (9, 7), narat chi “Deus amat chie dat cun cuntentesa”. Duncas, chie dat a sos poberos, de su chi tenet e lu dat cun coro cuntentu, at a esser amadu e beneitu dae Deus, e custu cunfrimmat chi: “sa limusina no impoberit”, ma podet irricchire, ca Deus dat semper de pius de su chi damos nois.

TESTO ITALIANO. “L’elemosina non ha mai impoverito nessuno”, dicevano i nostri avi e ci credevano davvero. Infatti, non aspettavano che bussassero alla porta coloro che andavano a fare la questua, ma portavano, o mandavano, ai poveri parte di ogni cosa che avevano. “Questo è per l’anima”, era il loro dire mentre preparavano la cosa da donare, fosse pane, appena sfornato, o carne, vino, frutta, o dolci.

Oggi, giorno delle Ceneri, inizia la Quaresima e tra i consigli che la Chiesa dà per viverla bene, insieme alla preghiera, al digiuno, all’astinenza e alla penitenza, c’è anche quello di fare l’elemosina. Nella Parola di Dio si parla spesso di elemosina e l’evangelista Matteo ci dice che si deve fare nascostamente, senza dare il bando. Addirittura, dice che “ciò che fa la mano destra non lo sappia la sinistra”.

L’elemosina fatta senza attendersi elogi dalla gente è quella che piace a Dio, quella che vede soltanto Lui e da Lui sarà ricompensata (Cfr. Mt 6, 2-4). E san Paolo, nella II Lettera ai Corinti (9, 7), dice che “Dio ama chi dà con gioia”. Dunque, chi dà ai poveri, di quello che ha e lo dà con cuore gioioso, sarà amato e benedetto da Dio, e questo conferma che: “l’elemosina non impoverisce”, ma può arricchire, perché Dio dà sempre di più di quanto diamo noi.

Comunicato Stampa Mariantonia Fara Su Nuraghe - a.b.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore