ATTUALITÀ - 09 dicembre 2023, 10:00

Case popolari, Caucino annuncia: “In arrivo 2 milioni di euro per chi non ce la fa ad arrivare a fine mese”

Le risorse, frutto di risparmi realizzati negli anni passati, saranno ripartite ai 38 Comuni che hanno meglio impiegato le risorse comprese nel Fondo Inquilini Morosi Incolpevoli, in particolare nelle annualità 2014 e 2015. Presenti Biella e Cossato.

caucino case

Case popolari, Caucino annuncia: “In arrivo 2 milioni di euro per chi non ce la fa ad arrivare a fine mese”

Arrivano maggiori risorse, quasi 2 milioni di euro, per contrastare la morosità incolpevole, destinate ai Comuni più virtuosi, ovvero quelli che hanno meglio speso i fondi già messi a disposizione della Regione per i residenti delle case di edilizia popolare che vorrebbero pagare canoni e bollette, ma che - complice l’aumento dei costi e la crisi economica - non ce la fanno ad arrivare a fine mese: i cosiddetti «morosi incolpevoli». Ad annunciarlo è l’assessore regionale alle Politiche per la Casa, Chiara Caucino.

In sostanza, le nuove risorse a disposizione derivano da economie che riguardano il Fondo Inquilini Morosi Incolpevoli e, in particolare, sul loro utilizzo nel 2014 e nel 2015. Risparmi, risorse non utilizzate, che ora vengono rimesse in campo e date proprio a quei Comuni che più di altri si sono distinti nel loro utilizzo, venendo incontro alle persone più fragili.  La Regione, infatti, attraverso il Fondo, destina le risorse ai Comuni ai quali spetta l’utilizzo. Alcuni hanno utilizzato tutti fondi a disposizione, alcuni soltanto in parte, mentre altri li hanno sfruttati tutti. Da qui il risparmio complessivo di 1 milione 922mila e 308 euro che ora verranno ripartiti tra 38 centri piemontesi. Presente anche il Biellese con Biella (circa 41mila euro), Cossato (quasi 4500 euro). Un inatteso «regalo di Natale» per persone che versano in condizione di grave difficoltà economico-finanziaria.    

«Si tratta di un intervento che, al di là della somma, comunque importante, mi riempie di soddisfazione per due ragioni. La prima perché dimostra che in Piemonte non si spreca un euro, premiando, allo stesso tempo, chi utilizza le risorse pubbliche nella maniera più corretta. La seconda, ancora più importante, è che attuiamo un intervento che fornisce un sostegno concreto a questi cittadini che si trovano in una situazione di estremo disagio, aggravato dall’incremento delle tariffe energetiche, dall’aumento del costo della vita, favorito dall’inflazione pregressa e dal rincaro dei beni di prima necessità, dovuto alla tempesta perfetta che si è scatenata negli ultimi anni: dalle due grandi crisi finanziarie all’emergenza della pandemia, fino ad arrivare alle recenti crisi belliche in Europa e in Medio Oriente».

c. s. Regione Piemonte g. c.

Ti potrebbero interessare anche:

SU