/ Gusti & Sapori

Gusti & Sapori | 06 dicembre 2023, 06:50

Il Patio, ancora una stella Michelin. Chef Vineis: “Nei piatti i nostri percorsi di vita”, VIDEO

E' la 21° stella consecutiva che si aggiudica il ristorante di Pollone, tra esperienza del papà Sergio e innovazione del figlio Simone. L'importanza dell'effetto “wow”

Il Patio, ancora una stella Michelin. Chef  Vineis: “Nei piatti i nostri percorsi di vita”

Il Patio, ancora una stella Michelin. Chef Vineis: “Nei piatti i nostri percorsi di vita”

E' una storia fatta di passione per la cucina e amore per il territorio, quella di Sergio Vineis. “Quando ho iniziato questo lavoro non avrei mai pensato di arrivare ad ottenere un giorno un riconoscimento come questo. Assieme ad altri due amici ci siamo avventurati in una sfida in un ristorante della Valle Cervo negli Anni 80, ha funzionato. E oggi sono qui, con la mia passione e mio figlio che sta seguendo le mie orme ormai da qualche anno”. Sergio Vineis, che dal 1983 al 1989 ha gestito ad Andorno il ristorante “Le tre vedove”, ora è chef e Patron de Il Patio a Pollone, che in questi giorni ha ricevuto la 21° stella consecutiva.

Sergio Vineis è autodidatta, ed è per questo che si merita doppiamente i complimenti per aver raggiunto questo traguardo: “Non ho fatto l'alberghiero, sono perito meccanico. Come molti, nel nostro settore, sono partito dal nulla assieme a degli amici. Oggi senti parlare di progetti. C'è questa smania di arrivare a chissà quali successi. Per me non è stato così. Io sto portando avanti la mia azienda, adesso con mio figlio che è ormai un attore primario quanto me del percorso che stiamo facendo e artefice, sempre quanto me, del successo che anno per anno riscuote la nostra piccola realtà. Poi evidentemente qualcuno ha ritenuto che i miei standard erano arrivati a un punto da dover dare in qualche modo un'indicazione perchè i gourmet cominciassero a darci un'occhiata, e la guida Michelin così come altre guide hanno iniziato a guardarci. Di certo non lo avrei mai immaginato”.

Il Patio è tra i 395 ristoranti che compaiono nella guida Michelin 2024. “Io posso solo dire di cercare ogni giorno di fare del mio meglio. Ad Andorno siamo stati rivoluzionari: una volta a settimana facevamo una cena vegetariana, organizzavamo cene etniche quando ancora queste cose erano una rarità. Cerco continuamente di migliorarmi. Io chiedo molto a me e a chi mi circonda, a chi lavora con me. Siamo una squadra. Quello che voglio è regalare emozioni, che ci sia l'effetto “wow” i chi assapora i nostri piatti. La nostra è una cucina d'autore. Nei piatti che proponiamo ci sono i nostri percorsi di vita”.

 


stefania zorio

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore