ELEZIONI COMUNE DI BIELLA
 / Casa Edilizia

Casa Edilizia | 16 novembre 2023, 16:50

Trasloco: come organizzarlo senza stress

Il momento del trasloco è per molti stancante, concitato e stressante. Esistono però dei comportamenti che consentono di ridurre questo stress, cercando di organizzare ogni step del trasloco in modo intelligente. Certo, l’impegno è comunque necessario e al termine del trasloco la stanchezza, sia fisica che mentale, ci sarà ancora. Però si avrà un po’ più di serenità e si potrà cominciare sin da subito a godersi la nuova casa.

Contattare degli esperti

Ciò che aiuta a rendere un trasloco meno stressante è sicuramente chiedere aiuto ad esperti del settore. Siti come Tuttotraslochi.it permettono di organizzare un trasloco in ogni step, ottenendo preventivi da parte di professionisti. Non tutti sono disposti a pagare molto per il proprio trasloco. È vero però che non è obbligatorio richiedere un servizio “chiavi in mano” per il trasporto di mobili e oggetti dalla vecchia alla nuova casa, anzi.

Il suggerimento è quello di stabilire un budget, da utilizzare poi per pagare i servizi che si ritengono essenziali. Richiedendo un preventivo si potrà comprendere quali siano le attività più costose e, nel caso in cui il budget fosse inferiore a quanto richiesto dalla ditta di traslochi, si può valutare di richiedere alla ditta solo alcune delle attività proposte, effettuando in autonomia le altre.

Un esperto del settore è in grado anche di valutare quante siano le cose da spostare e le principali criticità, come ad esempio la necessità di mezzi particolari per il trasloco o le eventuali richieste da effettuare presso le autorità preposte. Avere un esperto che offre il proprio contributo consente di sapere in anticipo ciò che ci aspetta, evitando gli imprevisti che spesso sono la principale causa di stress.

Rinunciare a qualcosa

Tutti in casa conservano tantissimi oggetti diversi, non tutti utili o necessari. C’è chi acquista molti abiti che poi non utilizza, o che si attrezza per praticare uno sport, imparare una lingua, dedicarsi alla produzione di ceramiche, senza poi realmente iniziare alcuna di queste attività. Quando si trasloca ci si trova sempre con tantissime cose da spostare, tra accessori, mobili, abbigliamento e utensili vari presenti in ogni stanza della casa.

Dedicare almeno una giornata a eliminare ciò che non serve, che è rotto o che già si sa che non si utilizzerà mai aiuta a ridurre la mole di oggetti da spostare. È per altro molto liberatorio dare una pulita alla casa eliminando gli oggetti inutili e aiuta anche ad affrontare con maggiore libertà il passaggio alla nuova casa.

Un trasloco a step

Per molte persone lo stress correlato al trasloco è dovuto al fatto che si attende l’ultimo momento per svolgere mille diverse attività. In realtà invece spesso varie cose si possono fare con anticipo, più o meno largo a seconda dei casi. C’è chi ha già pronta la nuova casa settimane prima del giorno dell’effettivo trasferimento, chi sa da mesi che dovrà traslocare.

In questi casi si può decidere di dipingere la nuova casa con un certo anticipo, oppure si possono cominciare a trasferire e preparare alcuni oggetti anche giorni o settimane prima del trasloco. Ad esempio alcuni abiti non si usano durante tutto l’anno, oppure si possono trasferire gli accessori per il giardino che non si stanno sfruttando nella vecchia casa, o oggetti stagionali che non si useranno per mesi. Tutte queste attività si possono svolgere in anticipo e con calma, alleggerendo di fatto la lista delle tante attività da svolgere il giorno del trasloco.

Informazione Pubblicitaria

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore