/ CRONACA

CRONACA | 26 marzo 2023, 16:17

Detenuto dà fuoco alla cella nel carcere di Biella, SiNAPPe: "Denunceremo l’amministrazione penitenziaria"

Il sindacato chiede il riconoscimento della lode ministeriale al personale in servizio che ha saputo operare con professionalità l’evento critico nonostante la mancanza dei sotto ufficiali

Detenuto dà fuoco alla cella nel carcere di Biella, SiNAPPe: "Denunceremo l’amministrazione penitenziaria"

Detenuto dà fuoco alla cella nel carcere di Biella, SiNAPPe: "Denunceremo l’amministrazione penitenziaria"

Ennesima Violazione degli accordi decentrati sul mancato impiego dei sotto ufficiali nonostante le svariate denunce del SiNAPPe.

Questa notte alle ore 04:00 circa, un detenuto extracomunitario con posizione giuridica giudicabile, conosciuto e attenzionato come poco instabile, appartenente al circuito sex offender, infastidito dal giro di controllo del personale, dopo poco follemente ha messo in atto una criticità di media entità appiccando un incendio doloso all'interno della camera, bruciando tutti i vestiti personali, suppellettili materasso e chiudendosi probabilmente all'interno del bagno.

Nonostante l’amministrazione locale abbia dovuto impiegare un sottoufficiale nel turno come da protocollo locale, tutto il personale in servizio a disposizione  è intervenuto nel mettere in sicurezza l'intero piano per i fumi tossici, facendoli defluire all'interno dei cortili passeggi. Nel contempo altro personale si è adoperato nello spegnere le fiamme altissime che ostacolavano l'ingresso al fine di prelevare il detenuto al suo interno che a sua volta non si vedeva e non dava segni di vita.

Placate le fiamme si è intervenuti con molta fatica a causa dei fumi, ma il coraggio è la professionalità del personale era più forte davanti a tale evento riuscendo ad aprire la porta del bagno dove il detenuto si è presentato con in mano un piede del tavolo divelto precedentemente e scagliandosi contro il personale che cercava di metterlo in salvo. Con molta professionalità è stato sottratto dalle mani l'oggetto pericoloso per poi condurre il detenuto all'attenzione del medico con molta difficoltà in quanto era aggressivo rivolgendosi minaccioso nei confronti del personale.

Dopo l'ubicazione del detenuto presso il cortile passeggio separatamente dagli altri in quanto lo volevano aggredire per i fatti successi, si è provveduto a fare visitare i detenuti che accusavano malore per i fumi inalati.

Durante queste operazioni la camera del detenuto era ancora presa dalle fiamme in quanto risultava difficile a placarle anche con l'ausilio degli estintori e secchi di acqua, provocando ulteriori fumi che coinvolgevano un altro piano aumentando ancora di più la gestione dell'evento. Altri detenuti da gestire ubicandoli nelle scale detenuti e portando i detenuti affetto di malore all'attenzione del medico per le cure del caso.

Finalmente si è riusciti a placare le fiamme a liberare il fumo tossico dall'intero piano interessato ed ubicare nuovamente i detenuti all'intero delle proprie camere di pernottamento con esito positivo facendo seguito anche di una conta generale.

Ultimata l'intera operazione finalmente è toccato anche al turno della polizia penitenziaria a farsi visitare dal medico per prendere i parametri vitali a causa dei fumi inalati. Bella notizia, stiamo tutti bene, prognosi zero per tutti gli interessati.

Noi operatori di Polizia Penitenziaria abbiamo operato in primis per la salute di tutti i ristretti e per la sicurezza dell'istituto cercando di fare il nostro meglio, poi un piccolo briefing col il viso tutto annerito dai fumi, con la divisa tutta sporca e la stanchezza che ci logora. Tutti giù in rotonda dinanzi alla macchinetta del caffè per scambiarci semplicemente piccoli sguardi che dicono tanto, dai ragazzi sono le ore 07:00 ultimo sforzo.

Ore 08:00 fine turno, ufficio della sorveglianza generale, per dirci unitamente GRAZIE del lavoro svolto e Buona Domenica a voi e alle vostre famiglie 

Questa è la Polizia Penitenziaria come ve la raccontiamo noi.

Carissimi colleghi proprio in questo momento dobbiamo essere più forti ed uniti di prima, piegati ma non spezzati. Il SiNAPPe dice basta a tutte queste violazioni degli accordi decentrati lasciano in mano l’istituto al ruolo degli agenti e assistenti sottovalutando le responsabilità che si prendono il ruolo degli agenti/assistenti che svolgono la Sorveglianza generale al posto dei sotto ufficiali. Poiché non si rispettano gli accordi sull’impiego dei sotto ufficiali alla Sorveglianza generale, il SiNAPPe annuncia di denunciare per condotta antisindacale l’amministrazione penitenziaria al tribunale del lavoro per la mancata applicazione del protocollo d’intesa locale e la rimozione immediata della direzione biellese. 

A seguito dell'accaduto durante la notte tra il 25 e il 26 marzo il sindacato chiede il riconoscimento della lode ministeriale al personale in servizio che ha saputo operare con professionalità l’evento critico nonostante la mancanza dei sotto ufficiali.

Segretario Nazionale SiNAPPe Raffaele Tuttolomondo

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore