/ COSTUME E SOCIETÀ

COSTUME E SOCIETÀ | 31 gennaio 2023, 15:20

“Sa die de sa Memoria” la poesia di Su Nuraghe per il Giorno della Memoria

Stasera appuntamento linguistico in collegamento Zoom con l’Argentina

Berlino, monumento in ricordo di Sinti e Rom internati nei campi di concentramento - Foto Su Nuraghe

Berlino, monumento in ricordo di Sinti e Rom internati nei campi di concentramento - Foto Su Nuraghe

Giunge da Nicola Loi di Ortueri, Nuoro, la poesia per il Giorno della Memoria 2023, per, come dice la Legge 211 del 20 luglio 2000, "ricordare la Shoah (sterminio del popolo ebraico), le leggi razziali, la persecuzione italiana dei cittadini ebrei, gli italiani che hanno subìto la deportazione, la prigionia, la morte, nonché coloro che, anche in campi e schieramenti diversi, si sono opposti al progetto di sterminio, ed a rischio della propria vita hanno salvato altre vite e protetto i perseguitati”.

Scritta in “Limba sarda de oe”, in “Lingua sarda contemporanea”, per imparare a leggere e a scrivere in lingua materna. Nella traduzione di Grazia Saiu, la composizione verrà inserita nell’antologia di testi del laboratorio linguistico “Eja emmo sì, là dove il sì suona, s’eja, s’emmo cantant”: incontri mensili transoceanici, che mettono in collegamento il Circolo Culturale Sardo “Su Nuraghe” di Biella e il Circulo Sardo “Antonio Segni” di La Plata (Argentina).

Come l’appuntamento linguistico di stasera, martedì 31 gennaio, , alle 21 (alle 17:00 in Argentina) in collegamento con La Plata sulla piattaforma Zoom (link https://us04web.zoom.us/j/7157400423?pwd=ckNVOUpJQnJNcnZpY3NTQUk5bTFOZz09  ; ID de reunión: 715 740 0423 ; Código de acceso: 12 ).

Sa die de sa Memoria 

Filuferru ispinosu, no est mai,

Simbulu de sa vera libertade.

Chi no s'idat pius un'era gai,

Ca est a isperder’ custa umanidade. 

 

Mamas, pitzinnos, betzos de chent'annos,

No ant bidu pius dies de lughe.

Ant bidu solu patimentos mannos,

Che-a su Nazarenu postu in rughe. 

 

Una ferida chi no at a sanare,

Vile mannu est s'omine chi negat.

Ma chie cussu at devidu proare,

Pro esser’ biu torrat gratzia e pregat. 

 

No paret beru sa zenìa umana,

A su puntu chi est cue arrivada.

No at a ismentigare a mala-gana,

Est in su coro lama ruinzada. 

 

Ma s'istoria nos at fatu iscola,

Tocat a nois a regoglier’ s'imparu.

Isperende chi siat una sola,

E chi cumprendat bene custu paru. 

 

Su pensamentu a sas oras feas,

Chi ant patidu sas sorres e frades.

De sambene infustas sas bideas,

Ponide mente las ismentigades. 

Nigolau Loi, su 27 de bennarzu 2023 

 

Il giorno della Memoria 

Il filo spinato non è mai,

Simbolo della vera libertà.

Che non si veda più un’era così,

Perché è come disperdere questa umanità. 

 

Mamme, bambini, vecchi di cent'anni,

Non hanno visto più giorni di luce.

Hanno visto solo patimenti grandi,

Come il Nazzareno messo in croce. 

 

Una ferita che non può guarire

Vile molto è l'uomo che lo nega.

Ma chi questo ha dovuto provare,

Per esser vivo rende grazie e prega. 

 

Non sembra vero che il genere umano,

Al punto che è arrivato.

Non dimenticherà malvolentieri,

È nel cuore spada rugginosa. 

 

Ma la storia ci ha fatto scuola,

Tocca a noi raccogliere il monito.

Sperando che resti una sola,

E che comprenda bene questo insegnamento. 

 

Il pensiero ha le ore brutte,

Che han patito le sorelle e fratelli.

Di sangue bagnate le idee,

Ponendo mente dimenticatele. 

Nicola Loi, 27 gennaio 2023

Comunicato Stampa Simmaco Cabiddu Su Nuraghe - a.b.

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore