/ EVENTI

EVENTI | 31 dicembre 2022, 10:30

Pranzo del riciclo e asta dei regali con Paola Gianotti

pranzo riciclo

Pranzo del riciclo e asta dei regali con Paola Gianotti

Domenica 8 gennaio alle 13 ci sarà un pranzo di autofinanziamento a sostegno della didattica all’aperto e per il rafforzamento dei presidi scolastici nei paesi e nelle periferie Biellesi presso il Polivalente di Occhieppo Inferiore, in Viale Caralli 7. A questo momento conviviale, che vedrà alla preparazione dei piatti Marta e Pietro di EGDA coadiuvati da Laura e Francesco per alcune proposte vegane, seguirà l’asta del riciclo dei regali di Natale indesiderati; batterà gli oggetti, che ciascun commensale vorrà donare, Paola Gianotti, influencer e ultracycler d’Ivrea.

L’iniziativa è del Tavolo della Comunità Educante di Biella per promuovere AmbientArti, progetto finanziato con circa 34mila € dalla Regione Piemonte e dal Ministero del Lavoro e delle politiche sociali attraverso il bando per i Progetti di Rilevanza Locale promossi dalle organizzazioni di volontariato, le fondazioni, e le associazioni di promozione sociale. Proprio una piccola APS è capofila della cordata: si tratta dell’associazione di genitori Semi di Serra di Roppolo. “Siamo una piccola realtà che opera tra Viverone e Cavaglià” spiega Alessandra Rosso insegnante e neo presidente del sodalizio “fin dalla nascita nel 2009 abbiamo sostenuto la scuola pubblica nei piccoli paesi come i nostri. Doposcuola, laboratori, uscite in cascina, camminate sui sentieri e gli itinerari sono le principali attività dei Semi di Serra per le scuole di Viverone, Roppolo e Cavaglià.”

Il Tavolo della Comunità Educante di Biella riunisce molte altre organizzazioni del Biellese che si occupano di educazione. Tra di loro troviamo Associazione Scuola Aperta, storica associazione di genitori che da oltre 40 anni si occupa di scuola e di partecipazione dei genitori, degli insegnanti e degli educatori. Ma ci sono anche realtà più giovani, ma non per questo meno importanti, come la Fondazione Marco Falco. Nata nel 2020, in pochi anni ha già sostenuto e lanciato molte iniziative sul territorio a favore dei giovani, della loro realizzazione e per il loro benessere. Molte ancora le realtà presenti al tavolo e unite dalla convinzione che per educare ci sia bisogno di tutti. Durante il lockdown hanno scritto insieme AmbientArti. Un progetto che vuole sostenere la scuola pubblica e statale attraverso attività di didattica all’aperto. Ci saranno gite sul territorio, uscite alla fattoria didattica di Roppolo “Vivere la Fattoria”, percorsi per valorizzare l’area del lago di Viverone, formazioni alla comunicazione non violenta, laboratori e, non ultimi, due murales uno a Cavaglià e l’altro a Roppolo.

Saranno luoghi di realizzazione, collaboreranno e cofinanzieranno il progetto l’Istituto Comprensivo di Cavaglià, l’IC Biella 3 e il Liceo scientifico di Biella. “Non mancherà una parte sull’uso della tecnologia” spiega Ettore Macchieraldo, coordinatore del progetto “la crisi causata dalla diffusione del virus sars-covid2 ha obbligato tutti noi, ma soprattutto le scuole, a una digitalizzazione forzata e troppo rapida. Abbiamo avuto poco tempo per definire strumenti e modalità. La tecnologia sembra essere sempre più un obiettivo, vorremmo invece che fosse uno strumento, un modo per imparare, per lavorare e per distrarsi a nostra misura e, specialmente, a misura di bambino e ragazzo”. Su questo aspetto lavorerà BiLUG, associazione di Biella che promuove l’uso del software libero. Un puzzle di attività che contribuirà a rimettere al centro i bambini, i giovani, il loro futuro coniugando tutto con l’attenzione all’ambiente e la valorizzazione del territorio. Questa attenzione è già esplicita nel pranzo che proporranno i giovani chef Marta Miolo e Pietro Ganni dell’associazione Ethnobotany and Gastronomic Diversity in the Alps.

“Realizzeremo piatti con materie prime locali e prevalentemente vegetali” spiega Pietro Ganni di EGDA “esattamente nello spirito della nostra associazione che vuole promuovere il patrimonio delle Alpi e le sue ricette tradizionali. Ci interessa relazionarci anche con altre esperienze e per questo siamo felici di collaborare con Laura e Francesco e le loro proposte vegane,” Il menù sarà quindi composto da un aperitivo con salumi, formaggi del territorio e con alternativa vegana, polenta gratinata con maccagno fondente, caponet vegetali, bruschetta con crudité di zucca e sedano rapa, zuppa panada con scaglie di caprino, chantilly all’arancia con panettone tostato e primo giro di vino. A questi piatti si affiancheranno le proposte vegane di Laura e Francesco. Per info: 3333487424 semidiserra@gmail.com https://www.semidiserra.it/

Comunicato stampa g. c.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore