/ POLITICA

POLITICA | 26 novembre 2022, 19:40

Cibo sintetico, a Biella mozione dei gruppi di maggioranza

Fratelli d’Italia, Lega Salvini Piemonte, Forza Italia e Lista Civica Corradino Sindaco chiedono al Consiglio Comunale sostegno e adesione alle iniziative di Coldiretti contro il cibo sintetico.

Cibo sintetico, a Biella mozione dei gruppi di maggioranza - Foto archivio newsbiella.it

Cibo sintetico, a Biella mozione dei gruppi di maggioranza - Foto archivio newsbiella.it

Fratelli d’Italia, Lega Salvini Piemonte, Forza Italia, Lista Civica Corradino Sindaco, gruppi di maggioranza a Palazzo Oropa, hanno presentato una mozione al Consiglio Comunale di Biella per dare sostegno e adesione alle iniziative di Coldiretti contro il cibo sintetico.

Questo il contenuto della mozione: “Premesso che il cibo sintetico è prodotto in bioreattori; non salvaguarda l’ambiente perché comporta un maggiore consumo di acqua ed energia rispetto agli allevamenti tradizionali e soprattutto è meno efficiente di quelli oggi più performanti; limita la libertà dei consumatori e omologa le scelte sul cibo; favorisce gli interessi di pochi operatori, monopolizzando l'offerta di cibo nel mondo; spezza lo straordinario legame che unisce cibo e natura; non tutela la salute, non essendoci garanzia che i prodotti chimici usati siano sicuri per il consumo alimentare e l’esperienza maturata è ancora troppo limitata per giungere a conclusioni differenti; non aiuta a perseguire gli obiettivi di giustizia sociale, in quanto prodotto sulla base di brevetti e tecnologie con alti costi di ingresso e sviluppo, nelle mani di pochi grandi investitori multinazionali; può avere impatti socio-economici molto pericolosi, in quanto frutto di una fascinazione ecologica che non ha finora consentito riflessioni ben più approfondite”.

E ancora: “Atteso che il raffronto con i sistemi più avanzati e sostenibili per la produzione del cibo, propri dell’agroalimentare italiano, consente di valutare correttamente gli esiti pregiudizievoli per l’ambiente del cibo sintetico fabbricato a mezzo di bioreattori. Considerato che ai sensi di legge il Comune è l'ente locale che rappresenta la propria comunità, ne cura gli interessi e ne promuove lo sviluppo; in attuazione del principio di sussidiarietà di cui all’articolo 116 della Costituzione il Comune è l’Ente che, in virtù del rapporto di prossimità con i cittadini, può efficacemente garantire la salvaguardia dei diritti fondamentali alla salute e alla corretta alimentazione anche attuando le misure di tutela predisposte a livello statale; Coldiretti ha promosso una petizione contro il cibo sintetico e sono nate diverse iniziative di sensibilizzazione finalizzate ad evidenziare i rischi della diffusione del cibo artificiale; la petizione di Coldiretti è pienamente condivisibile quanto a contenuti e modalità di attuazione delle finalità nella stessa esplicitate; gli impatti omologanti di un modello produttivo distante dalle specificità territoriali locali può cancellare le produzioni tipiche, distintive e tradizionali connesse alla varietà della biodiversità locale”.

In conclusione, la mozione chiede l'impegno di Sindaco e Giunta Comunale ad adottare tutti i provvedimenti utili al sostegno della petizione Coldiretti contro il cibo sintetico, e di fornire specifiche direttive ai competenti uffici e servizi del Comune,  anche per la sollecita trasmissione della presente deliberazione al Ministero dell’Agricoltura della Sovranità Alimentare e delle Foreste.

“Ritenuto opportuno -conclude la mozione - di aderire pienamente alla petizione promossa da Coldiretti contro il cibo sintetico sostenendo tutte le conseguenti e connesse iniziative di sensibilizzazione attinenti ai pericoli del cibo sintetico ed avvalorate anche dal mondo accademico e scientifico".

Alessandro Bozzonetti

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore