/ Casa Edilizia

Casa Edilizia | 30 settembre 2022, 07:00

Arredo ufficio: come scegliere quello giusto?

Arredo ufficio: come scegliere quello giusto?

Scegliere le migliori soluzioni per l’arredo d’ufficio spesso può rivelarsi complesso in quanto non esistono soluzioni universali in grado di adattarsi a ogni realtà.

Per questo è molto importante affidarsi a chi non propone solo linee di arredamento standard, ma realizza l’arredo ufficio su misura del contesto specifico.

Da quale elemento si comincia per definire l’arredo? Indubbiamente dalla scrivania: è proprio in relazione a questa che si sceglie tutto il resto.

La scrivania deve essere elegante e funzionale e per questo motivo è molto importante che abbia tutte le caratteristiche che la rendono tale.

L’importanza della personalizzazione

Dopo aver scelto la scrivania e aver definito le sue caratteristiche specifiche (colore, spessore del piano e finiture della struttura), si procede con la scelta dei complementi necessari a renderla una scrivania attrezzata, fruibile e confortevole.

Tra questi vi sono sicuramente i top access, che possono essere dei semplici contenitori apribili per alloggiare le prese oppure essere già cablati, in conformità alle vigenti normative in fatto di sicurezza ed ergonomia; le canaline passacavi, per la distribuzione orizzontale di tutti i cablaggi, e le salite cavi per portare i cavi al piano scrivania, occultandoli alla vista ed evitando il contatto fortuito.

Tutto ciò contribuisce a garantire il massimo comfort a chi la utilizza senza interferire con l’estetica.

In alcune realtà, soprattutto in quelle in cui le call sono più frequenti, negli open space e nelle sale riunioni può essere utile ricorrere a pannelli fonoassorbenti per migliorare il comfort acustico di ogni postazione, riducendo il riverbero.

In altri uffici, invece, vi è l’esigenza di avere contenitori integrati coordinati per ottimizzare gli spazi e archiviare i materiali in modo ordinato ed efficiente, oltre che piacevole a vedersi; perciò devono essere prese in considerazione opzioni in grado di soddisfare questa specifica esigenza.

Ogni ufficio è differente, pertanto occorre che l’arredo sia pensato su misura delle necessità dell’utilizzatore finale.

Comar, una solida realtà torinese nel campo dell’arredo ufficio

Tra le aziende più conosciute e apprezzate che lavorano nel settore vi è indubbiamente la torinese Comar, che vanta molti anni di esperienza nell’ambito delle soluzioni per l’arredo dell’ufficio.

Grazie all’officina interna di cui dispone, è in grado di personalizzare l’arredamento d’ufficio a seconda delle specifiche esigenze di ogni realtà.

Dopo la valutazione delle necessità dell’azienda e la scelta della scrivania, che definirà il filo conduttore da seguire per l’arredamento, si procede con la personalizzazione.

Pareti divisorie vetrate o cieche, pareti attrezzate, pannelli fonoassorbenti, mobili integrati alle scrivanie e realizzati su misura per soddisfare ogni esigenza, sedie ergonomiche per il pieno benessere del lavoratore: tutto prende forma in relazione alle necessità di chi vive l’ufficio e allo stile dell’ufficio stesso.

Comar è in grado di individuare le soluzioni più adatte per l’arredo dell’ufficio coniugando funzionalità e design e valorizzando nel modo migliore anche gli ambienti più piccoli o con una forma irregolare. Solo l’arredamento su misura, infatti, consente di sfruttare al meglio tutto lo spazio a disposizione, senza dover rinunciare a metri quadri preziosi.

Soluzioni solide e durature, ma sempre versatili e contemporanee per adattarsi a ogni contesto: ecco i punti di forza di questa azienda torinese.

Ogni dettaglio viene valorizzato e lo spazio viene ottimizzato al fine di assicurare un risultato al di sopra delle aspettative.

La parola d’ordine quando si sceglie l’arredo per l’ufficio deve essere, dunque, personalizzazione: è così che un ufficio diventa davvero il vostro ufficio.

Informazione Pubblicitaria

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore