/ Benessere e Salute

Benessere e Salute | 18 agosto 2022, 09:59

Centro di Controllo Micologico Pubblico ASLBI, aperto dal 1° settembre

Il servizio di assistenza gratuito ai raccoglitori privati e ai consumatori di funghi sarà attivo a Biella ad accesso diretto

Centro di Controllo Micologico Pubblico ASLBI, aperto dal 1° settembre

Centro di Controllo Micologico Pubblico ASLBI, aperto dal 1° settembre

Dal 1° settembre il Centro di Controllo Micologico Pubblico inizierà l’annuale attività di determinazione dei funghi epigei freschi raccolti dai privati. Il servizio di assistenza ai raccoglitori e ai consumatori sarà attivo ad accesso diretto a Biella, gestito dagli specialisti micologi del SIAN (Servizio Igiene Alimenti, Nutrizione) e Dietologia del Dipartimento di Prevenzione dell’ASL di Biella.

Di norma lo sportello rimane aperto fino al 15 novembre, anche se talvolta le condizioni ambientali possono indurre a un anticipo o a un posticipo della chiusura di cui, nel caso, sarà data tempestiva comunicazione.

Il Centro di Controllo Micologico Pubblico ASLBI osserverà i seguenti orari:

- Biella, sede Dipartimento di Prevenzione, via Don Luigi Sturzo 20 – lunedì e mercoledì dalle ore 14 alle 15, venerdì dalle ore 14 alle 14,30.

Possono usufruire del servizio i cittadini che hanno raccolto o ai quali sono stati forniti funghi freschi epigei spontanei e che, per la propria tranquillità e incolumità, intendono accertarsi della effettiva commestibilità degli stessi. All’utente che sottopone a controllo i funghi vengono date indicazioni sulla natura del materiale presentato, sulla sua commestibilità o pericolosità, sulle corrette modalità di

raccolta, di cottura e consigli pratici sull’utilizzo. L’assistenza, rivolta ai privati, è gratuita.

Indicazioni pratiche per l’utenza

I cittadini che accedono al servizio debbono presentare i funghi da visionare in contenitori rigidi e areati (per esempio cestini di vimini o cassette per la frutta). I funghi devono essere interi (completi di ogni loro parte), puliti sommariamente da terriccio, foglie e altri corpi estranei. È necessario far analizzare tutti i funghi in possesso e non soltanto un campione.

c.s.asl bie, s.zo.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore