/ COSTUME E SOCIETÀ

COSTUME E SOCIETÀ | 11 agosto 2022, 09:30

Povoletto invia a Biella pietra di memoria per “Nuraghe Chervu”

pietra nuraghe

Nell’immagine, Giuliano Castenetto, sindaco di Povoletto con la pietra inviata a Biella

L’Amministrazione comunale di Povoletto ricorda i concittadini che hanno perso la propria vita nella Prima Guerra Mondiale aderendo all’iniziativa del Circolo culturale sardo “Su Nuraghe” di Biella. Il progetto – condiviso dalla Prefettura e dalla Città di Biella - prevede l’invio di una lastra di pietra, idealmente una per ciascun comune italiano, indicante il numero dei Caduti della Grande Guerra, per il completamento dell’area monumentale chiamata “Nuraghe Chervu”.

L’invito a partecipare è arrivato dalla Prefettura di Udine e l’Amministrazione ha subito trovato la collaborazione dei gruppi A.N.A. locali, in particolare di quello di Povoletto che, grazie all’impegno del socio Giancarlo Shaurli, ha individuato la pietra e realizzato l’incisione “Povoletto 118”, ossia il numero dei soldati caduti. La lastra si unirà alle altre, già centinaia provenienti da diversi Comuni italiani, in un progetto che il 17 marzo 2019 ha già visto la posa delle prime 250 pietre e ancora in divenire, la cui nuova inaugurazione è prevista nel prossimo mese di novembre 2022.

Il sindaco di Povoletto, Giuliano Castenetto, rimarca l’alto valore dell’iniziativa: “Soprattutto in un momento come questo è doveroso fare memoria del dolore che comporta la guerra e testimoniare che i conflitti tra i popoli sono sempre una tragedia che deve essere evitata. Dietro il numero “118”, infatti, ci sono vite di nostri concittadini strappate ai loro affetti e alla nostra comunità.

N.S.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore