/ ATTUALITÀ

ATTUALITÀ | 28 giugno 2022, 12:36

"Bando Armonia+": un nuovo strumento per valorizzare il territorio e il paesaggio biellese, FOTO

Cuore del progetto della Fondazione Crb è rendere accessibile la bellezza a tutti

"Bando Armonia+": un nuovo strumento per valorizzare il territorio e il paesaggio biellese

"Bando Armonia+": un nuovo strumento per valorizzare il territorio e il paesaggio biellese

Si chiama “Armonia +” e sarà pubblicato il 4 luglio: è il bando studiato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Biella per valorizzare il territorio e il paesaggio biellese. Il documento, è stato scritto in collaborazione con la prof.ssa Elena Granata, docente associata del Dipartimento di Architettura e Studi Urbani del Politecnico di Milano, autrice di numerosi volumi sul concetto di una urbanistica che ripensi alla relazione tra città e natura.

“La Fondazione interviene a tutto campo per contribuire a sostenere lo sviluppo del territorio e il recupero di luoghi significativi – commenta il Presidente Franco Ferraris – questo bando, messo a punto con dei professionisti del settore, è pensato per rendere ancora più efficaci gli interventi che andremo a sostenere anche grazie ad appositi momenti di riflessione e condivisione oltre che seminari specifici”.

Il bando, realizzato nell’area “Arte e Cultura”, è volto a finanziare interventi di rigenerazione di spazi pubblici, di rinaturalizzazione e di miglioramento del paesaggio e della qualità degli spazi di prossimità e le domande potranno essere presentate entro il 18 novembre 2022.

Destinatari del bando sono soggetti che operino sul territorio biellese da almeno due anni quali: Enti pubblici, Enti religiosi/ecclesiastici, Associazioni, Fondazioni ed altri Enti senza scopo di lucro.

“È il paesaggio la vera ricchezza di questo Paese. Nel paesaggio è inscritta la nostra storia, la nostra creatività e la nostra immaginazione, le nostre risorse economiche e culturali, gli ingredienti del nostro cibo e le materie prime del sapere delle nostre mani. – questo il commento della docente Elena Granata – . "Armonia+" vuole attivare e promuovere un’idea di bellezza civile e diffusa, sostenendo progetti di cura e di reinvenzione di spazi di prossimità e di valorizzazione di spazi comuni capaci di migliorare la qualità di vita, il benessere, il senso di appartenenza delle persone. Abbiamo bisogno di pionieri e di appassionati innovatori, di cittadini capaci di progettare spazi accoglienti, poetici, in grado di suscitare meraviglia e sorpresa anche dentro paesaggi ordinari. La Fondazione dunque, condividendo queste premesse, si propone di promuovere iniziative ed interventi per rendere più armonioso il contesto paesaggistico, promuovere l’offerta turistica del territorio attraverso la valorizzazione delle bellezze artistiche, culturali e ambientali, sostenere percorsi volti all’innovazione culturale ed artistica e valorizzare percorsi partecipativi della comunità".

Il bando fa riferimento agli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite, in particolare, l’Obiettivo 11 città e comunità sostenibili.

L’obiettivo del bando è quello di promuovere interventi e soluzioni di tutela del paesaggio che valorizzino le componenti naturali e culturali del paesaggio, per questo la Fondazione ha fatto riferimento alla Convenzione europea del paesaggio (Firenze 20 ottobre 2000) in cui viene riconosciuto che “il paesaggio rappresenta un elemento chiave del benessere individuale e sociale, e che la sua salvaguardia, la sua gestione e la sua pianificazione comportano diritti e responsabilità per ciascun individuo” e si pone in linea con quanto sancito nell’art. 9 della nostra Costituzione: “La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica. Tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione”.

“La Fondazione è felice di poter dare una prima risposta operativa al Manifesto Biella 2030, in particolare all’idea Re-generation. Riusiamo gli spazi pubblici urbani – commenta il Segretario Generale Andrea Quaregna – nella quale i giovani biellesi chiedono di essere resi protagonisti della rigenerazione e degli spazi insieme agli altri attori attivando percorsi di partecipazione e coinvolgimento attivo, concorsi di ideazione e procedimenti di co-progettazione, bandi e call per raccogliere idee, proposte, ma anche competenze creative e professionali”.

Per quanto riguarda gli aspetti pratici del bando le richieste di contributo non potranno essere superiore all’80% dei costi totali del progetto e i progetti dovranno illustrare il contesto su cui si desidera intervenire, anche per mezzo di esaustivo materiale fotografico ed argomentare le motivazioni della scelta degli interventi, nonché il loro impatto sul paesaggio.

Le iniziative dovranno dimostrare in maniera chiara e comprensibile il risultato finale dell’intervento di trasformazione, di ripristino, di rinaturalizzazione dell’area.

Tra i principali elementi di valutazione ci saranno naturalmente il positivo impatto sul contesto paesaggistico e valorizzazione del luogo il coinvolgimento della comunità di riferimento e di altri enti nella scelta delle aree su cui intervenire. I frutti degli interventi potranno iniziare a vedersi dal 2023 contribuendo in questo modo allo sviluppo del territorio.

Il 22 settembre è previsto un momento di incontro rivolto agli interessati.

stefania zorio

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore