/ COSTUME E SOCIETÀ

COSTUME E SOCIETÀ | 24 giugno 2022, 09:01

“Litera cun coro/Lettera dal cuore”, poesia di Nicola Loi per Laboratorio linguistico di Su Nuraghe

Nell’immagine: Goni (Sud Sardegna), Nuraghe “Goni” - Sardegna, museo a cielo aperto, i nuraghi candidati a diventare patrimonio UNESCO (foto di Fabrizio BiBi Pinna).

Nell’immagine: Goni (Sud Sardegna), Nuraghe “Goni” - Sardegna, museo a cielo aperto, i nuraghi candidati a diventare patrimonio UNESCO (foto di Fabrizio BiBi Pinna).

“Litera cun coro/Lettera dal cuore” è la poesia che Nicola Loi di Ortueri (Nuoro) ha inviato al Circolo sardo di Biella. Porta il numero 759. Tante sono le composizioni che, dal febbraio 2021, accompagnano i giorni della Comunità sarda che vive a Biella.

Nei suoi versi, il contemporaneo Nicola Loi, al pari dei poeti antichi, custodi di saggezza e memoria, trasmette riflessione intellettuale e filosofica per trasmettere insegnamenti radicati nel mito. Forsis su mundu no tenet ammentu”, “Forse il mondo non ha ricordo”, rammenta il Poeta, perché “chie tenet oro non che fuliat prata”, “chi ha l'oro non butta l'argento”.

Nella traduzione di Gabriella Peddes, la poesia viene inserita tra i testi del prossimo appuntamento del Laboratorio Linguistico “Eya, emmo, sì: là dove il sì suona, s’emmo e s’eya cantant”. Incontri mensili transoceanici tra i circoli sardi di Biella e di La Plata per imparare a leggere e scrivere in lingua materna.

Prossimo appuntamento: martedì 28 giugno 2022, alle 21:00 ora italiana, ore 16:00 dall’altra parte dell’oceano.

Litera cun coro

Iscrier’ ti cheria duas rigas,

Pro t'infriscare in oras de suore.

Chi lenire ti potant sas fadigas,

In custas dies de cama e calore.

De su trabagliu mai ti lamentas,

As manna volontade e piaghere.

De su pagu balanzu ti cuntentas,

Naras: su pagu mi dat su podere.

No perdes ora, ne die ne chida,

Ses totu s'annu intreu a fainu.

Cun sa serenidade pius nodida,

Posidu mannu possedis in sinu.

Naras su meda puru tenet coa,

S'est mesuradu, nos bastat su pagu.

Est beru! Custa no est moda noa,

In su casteddu est su meriagu.

M'ispantat cudda vera umilesa,

Chi in manos in totu ti fiorit.

De custa vida sa vera richesa,

Paret chi dogni annada ti colorit.

Forsis su mundu no tenet ammentu,

Chie tenet oro no che fuliat prata.

Ma tue naras in-dogni momentu,

Cun paga abba fiorit sa mata.

In domo tua mai perdes nudda,

Ca meda zente no possedit pane.

E chie at in domo lat'e pudda,

No coghinat su pranzu pro su cane.

Chi bene tratas a su cane puru,

Ca mancu cussu est in abbandonu.

Ca li faghes su mandigu seguru,

Ma de piatos no intendet sonu.

Sighi s'iscola 'e vida ch'as ispaltu,

Ca est imparu pro sos benidores.

Cun modos-bonos semenas dae altu,

E bonos frutos dant cussos valores.

Sos benes mannos los apas acanta,

Ca ti meresset gai prenda rara.

Tue in allegria semper canta,

Cun coro mannu e sa 'oghe jara.

 

Nigolau Loi, su 23 de lampadas 2022

 

Lettera dal cuore

Scrivere ti volevo due righe,

Per rinfrescarti nelle ore di sudore.

Che lenire ti possano le fatiche,

In queste giornate di afa e calore.

Del lavoro mai ti lamenti,

Hai grande volontà e piacere.

Del poco guadagno ti accontenti

Dici: il poco mi dà il potere.

Non perdi ora, né giorno né settimana,

Sei tutto l'anno intero a trafficare.

Con la serenità più solenne,

Tesoro grande tieni in petto.

Dici il troppo anche tiene fine,

Se è misurato, a noi basta il poco.

È vero! Questa non è moda nuova,

Nel castello è la difesa.

Mi meraviglia quella vera umiltà,

Che nelle mani in tutto ti fiorisce.

Di questa vita la vera ricchezza,

Sembra che ogni annata ti colori.

Forse il mondo non ha ricordo,

Chi ha oro non butta argento.

Ma tu dici in ogni momento,

Con poca acqua fiorisce la pianta.

In casa tua mai perdi niente,

Perché molta gente non ha pane.

E chi ha in casa latte e gallina,

Non cucina il cibo per il cane.

Chi bene tratta il cane pure,

Che neanche quello è in abbandono.

Perché gli fai il mangiare sicuro,

Ma dei piatti non senti il suono.

Segui la scuola della vita che hai iniziato,

Perché è scuola per quelli che verranno.

Con buone maniere semini dall’alto,

E buoni frutti danno quei valori.

I beni grandi li abbia accanto,

Perché ti meriti così perla rara.

Tu in allegria sempre canta,

Con cuore grande e la voce chiara.

Nicola loi, 23 giugno 2022

 

Simmaco Cabiddu

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore