/ COSTUME E SOCIETÀ

COSTUME E SOCIETÀ | 20 maggio 2022, 08:02

Solidarietà concreta e poesia di Nicola Loi per il Popolo ucraino

Solidarietà concreta e poesia di Nicola Loi per il Popolo ucraino

La metafora della cavalcata è il canovaccio utilizzato da Nicola Loi (Ortueri, Nuoro) contro la guerra, contro tutte le guerre. Nel titolo “Si podet mudare su destinu?”, il Poeta si chiede: il destino, si può cambiare?

Con disincanto leva la sua voce in un tempo attraversato da paure; da un’emergenza all’altra. Oggi è quella della guerra alle porte di casa, nel cuore di quell’Europa che pare abbia dimenticato l’insegnamento di “totu sos iscritos de s'istoria”, di tutte le pagine di storia, insanguinata in guerre fratricide. “Paret apat perdidu sa memoria, ismentighende penas e dolore / Sembra abbia perso la memoria, scordando pene e dolore”, “sighinde cuddos passos de Cainu”, continuando su quei passi di Caino”.

Sempre guerra di potenti: Romani, “chi a sos populos postu ant sa cadena/ che ai popoli hanno messo le catene”;

Russi e Americani, che “mai ant lassadu un'era serena/ mai hanno lasciato un’era serena”.

Immagini drammatiche a cui fanno da contraltare i mille rivoli di solidarietà popolare come la campagna in atto anche da parte della Comunità sarda che, in collaborazione con i Frati Francescani Minori ucraini di Biella, raccolgono beni di prima necessità che verranno consegnati direttamente nei luoghi del conflitto, con apposito viaggio di missione in programma nel mese di giugno.

Presso il Circolo Su Nuraghe, in via Galileo Galilei, 11, a Biella, i venerdì sera (ore 21-23), raccolta di: pannoloni per adulti – assorbenti igienici – bende – cerotti – calze – t.shirt – boxer, e beni alimentari, quali: carne e tonno in scatola – zuppe pronte – cibo in busta – omogeneizzati. Destinazione, il convento francescano di Konotp.

 

È anche possibile fare versamenti “Pro Ucraina” direttamente nella sede del circolo.

 

In alternativa, il versamento può essere effettuato con bonifico bancario sul conto corrente intestato: Biverbanca/Banca di Asti, Agenzia di via Dante, 4, Biella – intestato a: Circolo Culturale Sardo “Su Nuraghe”, Biella. IBAN IT 17 G 06085 22303 000015749550, specificando nella causale: “Pro Ucraina”.

Si podet mudare su destinu?

Andende a caddu de custu destinu,

S'omine si nde chircat oras malas.

Sighinde cuddos passos de Cainu,

Faghinde gherras in totu sas alas.

 

Epuru a bidu puru malu'iscaddu,

In cuntierras duradas pro annos,

Cantas boltas nd'est rutu dae su caddu,

E mai at cosidu cussos dannos.

 

In totu sos iscritos de s'istoria,

Ant postu pius gherras che amore.

Paret apat perdidu sa memoria,

Ismentighende penas e dolore.

 

Dae s'antigu imperu 'e sos Romanos,

Chi a sos populos postu ant sa cadena.

Oe tra Russos e Americanos,

Mai ant lassadu un'era serena.

 

Sos Russos in logos siberianos,

Bi teniant sos trabaglios fortzados.

In America a sos Indianos,

Bell'e totus los ant avelenados.

 

Pero ant giutu paghe in dogni-logu,

Vivinde fatu a faulas issoro.

Totu su mundu ant faladu a fogu,

In chirca de petroliu e de oro.

 

Cun totus faeddende de istima,

Ma no tenent perunu sentimentu.

Si penso a Nagasaki e Hiroshima,

Est de sas gherras su peus ammentu.

 

Iscudende sa pedra cuant sa manu,

Custu est unu mannu cua-cua.

“Bo'e ainu” si naran tiranu,

Faghet dogn'unu sa figura sua.

 

Como custa Unione Europea,

Sos miliardos dat a s'Ucraina.

A sos Grecos at fatu sa trincea,

Ne mandigu, dinari o meighina.

 

De su destinu sighimus in sedda,

Pensende de no fagher ‘mai ruta.

L'amus a bider’ abberu niedda,

Si cussa roda nos che ponet suta.

 

Ca prima 'e su fusile e su cannone,

S'omine impitare det su sale.

Est a si ponner’ in bon'arrejone,

A no pensare solu a s'arsenale.

 

Nigolau Loi, su 19 de maju 2022

 

Si può cambiare il destino?

Cavalcando questo destino,

L’uomo cerca brutti momenti.

Continuando su quei passi di Caino,

Facendo guerra in ogni parte.

 

Eppure ha visto la sciagura,

In conflitti durati per anni.

Quante volte è caduto dal cavallo,

E mai ha ricucito quei danni.

 

In tutte le pagine di storia,

Hanno messo più guerre che amore.

Sembra abbia perso la memoria,

Scordando pene e dolore.

 

Dall’antico impero dei Romani,

Che ai popoli hanno messo le catene.

Oggi tra Russi e Americani,

Mai hanno lasciato un’era serena.

 

I Russi in Siberia,

Confinavano ai lavori forzati.

In America agli Indiani,

Parimenti li hanno avvelenati.

 

Però hanno portato pace in ogni luogo,

Seguendo le menzogne loro.

Tutto il mondo hanno incendiato,

In cerca di petrolio e di oro.

 

Pur parlando di affratellamento,

Ma non hanno alcun sentimento.

Se penso a Nagasaki e Hiroshima,

È delle guerre il peggior ricordo.

 

Lanciando la pietra nascondono la mano,

Questo è un grande aggattonamento.

“Voce d’asino” si dicono i tiranni,

Ognuno fa la sua figura.

 

Adesso questa Unione Europea,

I miliardi dà all’Ucraina.

Ai Greci ha messo la trincea,

Né cibo, denaro o medicina.

 

Il destino continuiamo a cavalcare,

Pensando di non cadere mai.

La vedremo davvero nera,

Se quella ruota ci mette sotto.

 

Perché prima del fucile e del cannone,

L’uomo adoperare deve il sale.

Bisogna mettersi di buon animo,

E non pensare solo all’arsenale.

 

Nicola Loi, 19 maggio 2022

Simmaco Cabiddu

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore