/ Benessere e Salute

Benessere e Salute | 17 maggio 2022, 12:12

HUMANITAS Torino in visita all'Ospedale di Biella

HUMANITAS Torino in visita all'Ospedale di Biella

HUMANITAS Torino in visita all'Ospedale di Biella

Seconda visita di studio all'Ospedale di Biella, dopo quella dello scorso 15 aprile, da parte di HUMANITAS Torino.

Nei giorni scorsi una nuova delegazione del gruppo che comprende l’Ospedale Gradenigo, la Clinica Cellini e la Clinica Fornaca ha osservato da vicino le modalità del 𝗣𝗿𝗶𝗺𝗮𝗿𝘆 𝗡𝘂𝗿𝘀𝗶𝗻𝗴, il modello di assistenza infermieristica che l'Azienda Sanitaria di Biella ha introdotto nel 2012 (una delle prime realtà in Italia) grazie al contributo della Fondazione CR Biella.

La rappresentanza torinese era composta da 𝑆𝑎𝑏𝑖𝑛𝑎 𝑃𝑟𝑜𝑛𝑒𝑠𝑡ı̀ (Responsabile Infermieristico di Struttura - Humanitas Gradenigo), 𝑀𝑎𝑑𝑑𝑎𝑙𝑒𝑛𝑎 𝑉𝑖𝑠𝑡𝑎𝑡𝑜 (Coordinatore Infermieristico Medicina e Oncologia - Humanitas Gradenigo), 𝐴𝑙𝑒𝑠𝑠𝑖𝑎 𝐷𝑒 𝐿𝑢𝑐𝑎 e 𝐹𝑒𝑑𝑒𝑟𝑖𝑐𝑎 𝐶𝑜𝑧𝑧𝑖 (Infermiere Medicina e Oncologia - Humanitas Gradenigo), 𝑀𝑎𝑟𝑡𝑖𝑛𝑎 𝐴𝑙𝑡𝑖𝑛𝑎 e 𝑀𝑎𝑟𝑡𝑖𝑛𝑎 𝐹𝑜𝑔𝑙𝑖𝑎𝑐𝑐𝑜 (Infermiere Reparto 1A - Humanitas Cellini) e 𝑆𝑎𝑛𝑑𝑎 𝑆𝑢𝑎𝑟𝑎𝑠𝑎𝑛 (Coordinatore Infermieristico Reparto 1B - Clinica Fornaca), accompagnati da 𝐺𝑖𝑜𝑟𝑔𝑖𝑜 𝐶𝑎𝑚𝑝𝑎𝑔𝑛𝑜𝑙𝑎 (Coordinatore progetto Primary Humanitas Torino).

Per l'ASLBI erano presenti 𝐴𝑛𝑡𝑜𝑛𝑒𝑙𝑙𝑎 𝐶𝑟𝑜𝑠𝑜 (Direttore Direzione Professioni Sanitarie), 𝐶𝑙𝑎𝑢𝑑𝑖𝑎 𝐺𝑎𝑡𝑡𝑎 (Responsabile assistenziale del Dipartimento Medico e Urgenza), 𝑅𝑜𝑏𝑒𝑟𝑡𝑎 𝐺𝑎𝑙𝑙𝑜 (Referente Primary Nursing), 𝐺𝑎𝑏𝑟𝑖𝑒𝑙𝑙𝑎 𝑃𝑎𝑐𝑒𝑙𝑙𝑎 (Direzione Professioni Sanitarie), 𝐶ℎ𝑖𝑎𝑟𝑎 𝑃𝑖𝑔𝑛𝑜𝑙𝑜 (Coordinatore Infermieristico Medicina Interna area De2c) e 𝐹𝑟𝑎𝑛𝑐𝑒𝑠𝑐𝑜 𝐹𝑒𝑟𝑟𝑎𝑛𝑡𝑖 (Coordinatore Infermieristico Chirurgia-Urologia).

Il modello del Primary Nursing prevede la presa in carico del paziente da parte di un singolo infermiere, il quale diventa responsabile del percorso assistenziale dell’ammalato 24 ore su 24, 7 giorni su 7, per tutta la durata della degenza: questo a favore di una maggiore soddisfazione sia degli operatori, per le loro competenze professionali, che dei degenti, oltre che per un miglioramento qualitativo degli interventi.

HUMANITAS Torino in visita all'Ospedale di Biella, s.zo.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore