COSTUME E SOCIETÀ - 16 maggio 2022, 18:10

Due studenti biellesi ai campionati nazionali di pasticceria

studenti pasticceria

Due studenti biellesi ai campionati nazionali di pasticceria

Tre giorni speciali, durante i quali confrontarsi con altri alunni di una trentina di scuole nazionali sul tema della Pasticceria. Due studenti dell’ultimo anno dell’Alberghiero di Valdilana/Mosso sono stati a Iglesias, in Sardegna, per la quarta edizione del Campionato nazionale di pasticceria, dal 3 al 7 maggio. L’evento è stato organizzato dalla FIPGC,Federazione italiana pasticceria gelateria cioccolateria, in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione e la rete “Re.Na.IA”, che vede in sinergia gli istituti alberghieri d’Italia.

“Un’occasione speciale e importante, che ci ha permesso di misurarci con studenti di tante altre realtà del Paese - spiega Roberta Vioglio, docente d’italiano e reggente dell’istituto di Mosso -. Sono stati giorni organizzati in modo impeccabile, durante i quali i ragazzi hanno misurato il livello di competenze acquisite in un contesto di eccellenza. C’erano scuole grandi e piccole. Ed è stato bello constare che anche realtà scolastiche di modeste dimensioni, come la nostra, possano dare vita a competizioni importanti e di successo”.

“E’ stata un’occasione di crescita, perché abbiamo partecipato a lezioni, lavori in laboratorio e tanti momenti di aggregazione scolastica - aggiunge Stefano Bozzone, docente di Cucina -. I nostri due alunni hanno ben figurato, in un contesto di alto livello e alla presenza delle telecamere della Rai. Un bel banco di prova, utile per la loro carriera professionale dopo il diploma che conseguiranno a giugno. Al di là della gara abbiamo lavorato per realizzare piatti e pietanze diverse, utilizzando i prodotti locali. Una bella esperienza, utile per il bagaglio personale dei ragazzi. Durante l'anno ci eravamo preparati, al meglio, sia in classe sia nel laboratorio di cucina”. Gli studenti Alessia Belloca ed Enrico Quaglia hanno preparato per la sfida culinaria un dessert, denominato “Dolce Margherita”.

Così lo spiega Bozzone: “L’idea è stata di gemellare la tradizione eno-gastronomica piemontese con quella sarda, scegliendo la figura della Regina Margherita di Savoia come personaggio d’unione per le tradizioni storiche. Così i ragazzi utilizzando rigorosamente prodotti locali di origine controllata, hanno preparato il dessert e l’hanno presentato alla commissione. Abbiamo utilizzato tra gli altri ingredienti: ricotta ovina, arricchita con scorza di arance di Muravera, nocciole locali e cialde di cioccolato bianco. Il risultato è stato eccellente e al di là della vittoria o meno”.

Redazione g. c.

Ti potrebbero interessare anche:

SU