Fashion - 09 maggio 2022, 12:22

Gli allievi del TAM all’Eurovision donano alla Pausini i capi realizzati con le alghe del mare del Nord, FOTO

Ora la scommessa è quella di vedere sfilare la cantante durante il contest con gli abiti made in Biella

Gli allievi del TAM all’Eurovision donano alla Pausini i capi realizzati con le alghe del mare del Nord

Gli allievi del TAM all’Eurovision donano alla Pausini i capi realizzati con le alghe del mare del Nord

Anche Laura Pausini sentirà “Il mare sulla pelle”. Con tre parole i ragazzi dell’ITS TAM di Biella, l’istituto tecnico superiore dedicato al tessile abbigliamento e moda, hanno immaginato e poi realizzato 12 capi in “SeaCell”, lo speciale filato ottenuto dalle alghe del Mare del Nord, collaborando con una piccola azienda artigiana, Tabinotabi, che ha le vetrine del suo punto vendita sotto il Ponte di Rialto a Venezia. I capi sono stati donati alla superstar di Eurovision nel pomeriggio di domenica 8 maggio durante l’anteprima alla Reggia di Venaria andata in onda su RaiPlay.

L’esperienza è stata possibile grazie all’interessamento dell’assessore regionale Elena Chiorino e del presidente Alberto Cirio: una delegazione, formata dalla stilista veneziana Alessandra Defranza con alcuni degli studenti coinvolti (Martina Capponi, Camilla Guarnieri, Fabiana Nisi e Nicola Redavid) accompagnati da Giovanna Calogero, ha portato a Torino una selezione della capsule collection che era stata presentata all’ultima edizione di Filo, nel febbraio scorso.

Ora la scommessa è quella di vedere sfilare la cantante durante il contest con gli abiti made in Biella, mentre il governatore Cirio e l’assessore Chiorino hanno potuto indossare a loro volta una giacca e un lungo spolverino ricevuti in dono nella stessa giornata dagli studenti. Il mare sulla pelle è un progetto extracurricolare inserito nell’iniziativa Upskill Venezia, realizzato con il sostegno delle Università Ca’ Foscari e IUAV e con il patrocinio di Confindustria Venezia e di Camera di Commercio di Venezia Rovigo.

Inutile dire che in questa attività, mirata a creare un prodotto di qualità, i giovani aspiranti designer ci hanno messo cuore e professionalità e il risultato parla da sé. La linea di abbigliamento è 100% compostabile, adatta a tutte le stagioni, e coniuga estetica e vestibilità con i valori legati alla sostenibilità ambientale. Con attività di ricerca e sperimentazione su tessuti e filati in puro SeaCell o in mista con la lana, in quattro mesi sono stati progettati, prototipati e realizzati 12 capi tutti naturali, dai bottoni in legno e in madreperla alle cuciture eseguite con fili di Lyocell (fibra estratta dalla cellulosa della pianta di eucalipto) che, come dice il nome in etichetta, portano a chi li indossa “il mare sulla pelle”.

c.s.tam, s.zo.

Ti potrebbero interessare anche:

SU