/ CRONACA

CRONACA | 27 gennaio 2022, 17:33

Non si ferma all'alt della Polizia, travolge auto e rischia di investire agente: arrestato per tentato omicidio

Si tratta di un soggetto noto alle forze dell'ordine e pluripregiudicato, arrestato dopo alcuni giorni di latitanza. Il fatto è avvenuto nella serata di lunedì a Ponderano: fermata anche una donna per il reato di favoreggiamento personale.

arresto polizia

Non si ferma all'alt della Polizia, travolge auto e rischia di investire agente: arrestato per tentato omicidio (foto di repertorio)

Non si ferma all'alt degli agenti, si dà alla fuga a bordo della sua auto non prima di aver speronato le auto della Polizia e rischiato di investire uno degli operatori. Scene da film nella serata di lunedì 24 gennaio, a Ponderano. Erano da poco trascorse le 22.30: le forze dell'ordine avevano predisposto un posto di controllo nell'ambito dell'attività di repressione dello spaccio di stupefacenti.

Secondo le ricostruzioni del caso, un'auto ha proseguito la sua corsa a gran velocità ignorando lo stop degli operatori. Gli agenti della Squadra Mobile si sono portati all'inseguimento dell'uomo alla guida bloccandogli poco dopo la strada. Vistosi braccato, il conducente ha urtato le auto della Polizia nel tentativo di scappare. Negli stessi istanti concitati, ha colpito intenzionalmente uno degli agenti scesi per bloccarlo, schiacciandolo tra lo sportello dell'auto di servizio e la sua e facendolo cadere violentemente a terra. Lo stesso si è subito rialzato per evitare di essere completamente travolto dal veicolo in fuga. In seguito, il poliziotto è stato trasportato in Pronto Soccorso e successivamente dimesso con una prognosi iniziale di 30 giorni per trauma contusivo.

L'auto del malintenzionato, invece, è stata ritrovata abbandonata in via Trivero, a Biella. Del fuggitivo non vi era più traccia ma gli uomini della Squadra Mobile sono riusciti a riconoscerlo nel corso dell'intervento e a fornire la sua identità: si tratta, infatti, di un soggetto noto alle forze dell'ordine e pluripregiudicato.

A seguito dei fatti avvenuti, la Procura di Biella ha emesso ieri un fermo di indiziato di delitto, nei confronti del fuggitivo, per il reato di tentato omicidio aggravato. E stamattina è stato disposto un servizio straordinario da parte della Questura di Biella finalizzato alla ricerca del latitante, con la Squadra Mobile, l’UPGSP e il Reparto Prevenzione Crimine di Torino.

In particolare le ricerche si sono focalizzate presso l’abitazione di una ragazza residente a Ponderano, attualmente sottoposta alla misura degli arresti domiciliari e precedentemente arrestata per il reato di spaccio di sostanze stupefacenti. Durante la perquisizione, la ragazza ha riferito agli agenti di aver effettivamente fornito ospitalità all’uomo, consapevole del fatto che fosse ricercato dalla Polizia, e che lo stesso era scappato vedendoli arrivare.

Ma non era vero. L'uomo, infatti, veniva trovato nascosto nell'antibagno, sotto alcuni vestiti. Per tale ragione, gli operatori della Polizia di Stato hanno fermato l’uomo, dando esecuzione al provvedimento emesso dalla Procura della Repubblica, e arrestato la donna, in quanto resasi responsabile del reato di favoreggiamento personale. Entrambi si trovano in Questura, in attesa dell'udienza di convalida.

Redazione g. c.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore