/ Regione Piemonte

Regione Piemonte | 22 gennaio 2022, 16:30

Regione, martedì esercitazione di Protezione Civile: testati strumenti e nuove tecnologie in caso di calamità

regione protezione civile

Regione, martedì esercitazione di Protezione Civile: testati strumenti e nuove tecnologie in caso di calamità (foto di repertorio)

Martedì 25 gennaio si terrà un’esercitazione (cosiddetto Pilot) organizzata dal Settore di Protezione civile della Regione Piemonte con l’obiettivo di testare tecnologie innovative e di ricerca applicata utili al miglioramento della risposta organizzata del sistema sul tema dei rischi naturali.

L’esercitazione avrà come principale scenario operativo il territorio di Avigliana (Torino), già interessato da eventi alluvionali del recente passato (ottobre 2000, in particolare). In prossimità di un’ansa del fiume Dora Riparia saranno condotti test sperimentali su strumenti sviluppati nell’ambito di progetti di ricerca avanzata da alcuni dei principali centri e aziende private che operano nel settore tecnologico nazionale ed internazionale.

Oltre al sito di Avigliana verranno coinvolte altre 8 aree del Piemonte, dalle quali si testerà la capacità di rapido ed efficace scambio informativo con la Sala operativa regionale grazie all’utilizzo di uno strumento di messaggistica rapida - un chatbot - capace di trasmettere e ricevere in tempo reale i documenti multimediali (immagini, video, audio) acquisiti sul posto dagli operatori del soccorso direttamente ai centri di comando e ottenere così un quadro di maggior dettaglio sulla situazione in atto, nell’ottica di orientare la risposta operativa tempestivamente dove maggiori sono le criticità segnalate. L’iniziativa rientra nell’ambito di FASTER, un progetto che definisce a livello europeo una collaborazione tra enti di ricerca applicata e sistemi di Protezione civile volta alla definizione di nuovi strumenti tecnologici che possano agevolare l'intervento in emergenza degli operatori del soccorso sul terreno, nonché migliorare la consapevolezza e la percezione della situazione di emergenza in atto nei centri di comando e sale operative attivate.  

«La nostra Protezione civile - sottolinea l’assessore alla Protezione civile della Regione Piemonte Marco Gabusi -, da sempre è estremamente attenta ad aggiornare e arricchire le proprie competenze. Guarda perciò con grandissimo interesse ai vantaggi che la tecnologia può portare. Il progetto FASTER ci permette di fare un ulteriore passo in avanti proprio in questa direzione favorendo l’adozione di nuovi strumenti tecnologici che migliorano ulteriormente gli interventi e gli skill degli operatori. Strumenti come il chatbot vengono già utilizzati con successo in altri campi per rendere le comunicazioni più rapide e trovano ora applicazione anche nella protezione delle popolazioni e dei territori, confermando la propensione alla ricerca continua da parte del nostro sistema di Protezione civile”.  

Il programma del Pilot prevede la sperimentazione e l’uso di tecnologie tra le quali: strumento di geolocalizzazione dei soccorritori sul terreno e di messaggistica rapida, a supporto delle attività di sorveglianza e soccorso sviluppati in ambiente Telegram (applicazione chatbot di messaggistica istantanea) sviluppato in stretta e proficua collaborazione con la Fondazione Links di Torino, il CSI-Piemonte e il Settore Protezione civile della Regione; strumenti cosiddetti “Textiles”, anch'essi da indossare, che permettono il controllo in telemetria di parametri ambientali e biometrici dei soccorritori presenti sullo scenario emergenziale, sviluppati dal’Università della West Attica (UNIWA, Grecia); stazione meteorologica wireless, sviluppata dal partner portoghese INOV; strumenti cartografici di visualizzazione di tutte le informazioni disponibili relative allo scenario emergenziale in versione desktop e portatile (sviluppato da ENG di Palermo); droni per il sorvolo delle aree dello scenario emergenziale, con immediata trasmissione in “real time” delle immagini acquisite ai centri di comando e sale operative di protezione civile attivate sul territorio; applicativi capaci di rilievi 2D e 3D, installati a bordo dei droni per mappature di grande precisione sulle aree colpite da danni conseguenti ad eventi naturali ed antropici, sviluppati dal partner greco del CERTH di Salonicco (Grecia); Modulo “Social”, che permette tramite sistemi di intelligenza artificiale di catalogare e mappare informazioni distribuite sugli strumenti “Social” (in particolare Twitter), sviluppato da Links Foundation di Torino All’esercitazione parteciperanno circa 120 operatori del soccorso, volontari appartenenti al Coordinamento regionale del Volontariato, al Corpo regionale AIB, all’Associazione Nazionale Carabinieri (ANC) e alla Croce Rossa.

Saranno presenti anche alcuni dei partner tecnici del progetto (Links Foundation, ENG, CERTH, INOV), nonché tecnici del CSI-Piemonte, di Arpa Piemonte e dei Settori Geologico e Protezione civile della Regione Piemonte. Tutti i partner internazionali del progetto saranno collegati in modalità “da remoto” e in videoconferenza e supporteranno le attività di test che verranno condotte. Ogni attività verrà svolta ponendo massima attenzione alle regole di precauzione e distanziamento imposte dall’attuale fase di evoluzione del contagio da Covid-19.

Comunicato stampa g. c.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore