/ ATTUALITÀ

ATTUALITÀ | 03 dicembre 2021, 20:11

Misure urgenti per il contenimento del Covid, l'appello del Prefetto Tancredi alle istituzioni del territorio

Il Prefetto di Biella illustra le principali novità introdotte dal legislatore sulle quali si ritiene opportuno richiamare particolare attenzione

Misure urgenti per il contenimento del Covid, l'appello del Prefetto Tancredi alle istituzioni del territorio

Misure urgenti per il contenimento del Covid, l'appello del Prefetto Tancredi alle istituzioni del territorio

“Misure urgenti per il contenimento dell’epidemia da COVID-19 e per lo svolgimento in sicurezza delle attività economiche e sociali». Il Prefetto di Biella Franca Tancredi si rivolge alle rappresentanze delle istituzioni del territorio quali sindaci, Presidente della Provincia, oltre che ai presidenti di Uib, Api, Giovani Imprenditori, Ascom, Confesercenti, Cna, Federconsumatori, Atap, Questore, Comandante Provinciale dei Carabinieri e della Guardia di Finanza per “richiamare la particolare attenzione al pari di quanto evidenziato dal superiore Ministero dell’Interno con Circolare in data 2 dicembre”.

Nel documento il Prefetto ricorda in particolare ai destinatari l'estensione dell'obbligo vaccinale, la durata di validità delle certificazioni verdi COVID-19 ed estensione del loro impiego, l'Istituzione della certificazione verde ed. "rafforzata" e il potenziamento del sistema dei controlli sul rispetto delle misure emergenziali. A questo proposito si puntualizza come “le modalità esecutive dei controlli, a campione, saranno tali da non compromettere le esigenze di fluidità del servizio nell’ottica di evitare, specie nel trasporto pubblico locale, possibili assembramenti ed eventuali ricadute di ordine pubblico.

L'esigenza di potenziare le attività di verifica si pone soprattutto in concomitanza dei fine settimana -normalmente contrassegnati da un movimento di persone più elevato-, nei giorni prefestivi e festivi, collegati alle festività natalizie e di fine anno, soprattutto nelle aree con maggiore concentrazione di esercizi commerciali e in quelle caratterizzate dal fenomeno della movida”.

Nel documento il Prefetto fa appello ai sindaci affinchè vogliano “riservare particolare attenzione ad ogni fenomeno o situazione tale da esporre a rischi la salute pubblica e, nel quadro delle prerogative loro spettanti quali Autorità Sanitarie Locali, ai sensi dell’art. 50 del T.U.E.L., valuteranno la possibilità di disporre l’adozione di ulteriori misure di prevenzione della diffusione del contagio quali, a titolo esemplificativo, l’obbligo di indossare la mascherina protettiva anche all’aperto in determinati luoghi connotati da significativo rischio di concentrazione delle persone, ed ogni altra misura ritenuta opportuna”.

Ai Presidenti delle Associazioni di categoria, si richiede “una opportuna sensibilizzazione in merito alla delicata tematica in parola, e si rinnova l’invito alla massima collaborazione tramite un’efficace azione di responsabilizzazione dei propri rappresentati affinché assicurino una puntuale osservanza delle disposizioni vigenti. Mentre si rimane a disposizione per qualsivoglia chiarimento, in merito, si confida nella consueta, massima collaborazione”.

Alle forze dell'ordine viene anche chiesto di “far pervenire i dati relativi agli esiti dei controlli effettuati, utilizzando la predisposta modulistica, sia giornalmente che settimanalmente, nonché anticipare periodicamente alla Scrivente gli obiettivi dei controlli che si intende programmare in sede di Tavolo tecnico presso la Questura”.

Il Prefetto annuncia anche che “un'aggregazione settimanale dei dati relativi al monitoraggio dei servizi di controllo, verrà pubblicato sul sito istituzionale della Prefettura”.

c.s.prefettura, s.zo

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore