/ SPORT

SPORT | 02 dicembre 2021, 18:07

Muay Thai, l’arte marziale delle 8 braccia e delle 9 armi - FOTO

Sabato al Why Not Fitness Club di Biella lo stage con il maestro ed ex vice campione del mondo Andrea Molon e l’istruttore biellese Fabio Lavecchia

I protagonisti dello stage di Muay Tahi con il maestro Andrea Molon - Foto Fabio Lavecchia

I protagonisti dello stage di Muay Tahi con il maestro Andrea Molon - Foto Fabio Lavecchia

Ha cominciato con le arti marziali nel 1988, a combattere nel 1994 e ad allenare nel 1998. Dal 1999 al 2008 è stato più volte campione italiano di Muay Thai, Kick Boxing, e ha combattuto in Thailandia, Giappone, Marocco ed tutta Europa. E’ stato in nazionale di Kick Boxing e Muay Thai dal 2003 al 2006, con un bronzo agli europei e vice campione del mondo nel 2002 a Tokio”.

Questo è l’identikit sportivo del maestro Andrea Molon, 47 anni di Ivrea, che sabato 27 novembre ha tenuto uno stage di Muay Thai al Why Not Fitness Club di Biella. “L’origine della mia passione per la Muay Thai - dichiara Molon - è il Karate all’inizio degli anni ‘90, poi gli sport da combattimento come il Full Contact e Kick Boxing. Ho fatto il corso da allenatore di Kick Boxing  e Thai Boxe e poi sono andato in Thailandia, la madre patria della Muay Thai.  E’ stato amore a prima vista, mi sono sentito a casa, e da allora sono tornato molte volte per allenarmi con i thailandesi. Da quando ho smesso di combattere nel 2008 mi sono dedicato a fare l’allenatore".

Il maestro Molon, che ha una scuola a Ivrea, spiega la Muay Thai: “E’ l’arte marziale delle 8 braccia in quanto ci si difende e si colpisce con pugni, gomitate, ginocchiate e calci, e delle 9 armi dove la nona è la testa. Nella mia scuola a Ivrea si allenano bambini e adulti, sia per benessere che per intraprendere la strada del combattimento, come gli attuali campioni italiani Manuel Lallai ed Aman Catalin”.

A organizzare lo stage di sabato scorso, l’istruttore biellese di Muay Thai, ed allievo di Molon, Fabio Lavecchia. “Questo stage è stato momento di aggregazione – spiega Lavecchia - per promuovere la Muay Tahi e dare un’alternativa di sport nel Biellese. Ci saranno altri stage. Io a Biella e Molon ad Ivrea lavoriamo sullo stesso binario dell’aggregazione, siamo un gruppo sportivo che si sta ampliando, abbiamo un sito internet, abbiamo  campioni come Allai e Catalin ed agonisti. Prima del covid, ragazzi di Biella hanno combattuto con ottimi risultati a Milano in riunioni federali. Stiamo crescendo e sono molto soddisfatto che quest’anno ci sia un ricambio generazionale con ragazzini dai 13 ai 18 anni che si sono avvicinati alla Muay Thai e che vogliono continuare e migliorare”.

Alessandro Bozzonetti

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore