/ POLITICA

POLITICA | 16 novembre 2021, 18:20

PNRR, Pella: “Ringrazio Brunetta per aver accolto grido sindaci, dotiamo enti locali di personale più qualificato”

pella pnrr

PNRR, Pella: “Ringrazio Brunetta per aver accolto grido sindaci, dotiamo enti locali di personale più qualificato”

“Ringrazio il ministro Brunetta per aver accolto il grido di dolore dei sindaci, che si è levato più volte in Conferenza Unificata e, da ultimo, all’Assemblea nazionale dell’ANCI. L’azione di governo del ministro Brunetta si è basata sin dall'inizio su un dialogo aperto e costruttivo con gli enti locali. Bene le sue parole di oggi in audizione sulla necessità di superare i vincoli assunzionali che impediscono la piena operatività del turnover”. Lo scrive in una nota Roberto Pella, deputato e capogruppo di Forza Italia in Commissione Bilancio, dopo aver preso parte all’audizione del ministro Renato Brunetta sul Dl Attuazione Pnrr.

Per Pella occorre “semplificare le procedure assunzionali per le pubbliche amministrazioni nell’ottica del Pnrr, ma soprattutto allargare la possibilità di avere personale adeguato per poter procedere non solo su quello che è l’avanzamento dei progetti legati al Titolo II del bilancio dei Comuni, ma anche, come ha giustamente evidenziato il ministro, sull’avanzamento dei progetti legati al Titolo I, vale a dire agli investimenti legati alla salute, alle scuole e alla persona”.

“Il problema non è soltanto la quantità, ma anche e soprattutto la qualità: occorre dotare le pubbliche amministrazioni e gli enti locali del personale qualificato e adeguato per le funzioni che hanno trend incrementali, a cominciare dagli investimenti – conclude il deputato forzista - Il turnover che va implementato, nell’ottica del Pnrr e della fase storica che stiamo vivendo, deve essere legato ad assunzioni mirate nei settori previsti in crescita e che necessiteranno di maggiore e migliore personale”.

Redazione g. c.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore