/ EVENTI

EVENTI | 23 ottobre 2021, 07:50

I consigli outdoor di ATL, un itinerario tra vini e castelli

Il ricetto di Candelo

Il ricetto di Candelo

Dalla pianura alle colline del Biellese orientale, in un susseguirsi di borghi, vigneti e alture si incontrano aziende agricole e agrituristiche dove piccoli produttori propongono vini di ottima qualità, da acquistare o degustare sul posto. Questa è la zona di produzione delle DOC biellesi Bramaterra, Lessona e Coste della Sesia.

Andando verso le colline ad est di Biella, storica area di produzione del vino DOC Coste della Sesia, si incontra Vigliano Biellese e il Castello di Montecavallo, location di grande charme, che propone degustazioni dei vini di propria produzione, accoglienza e ristorazione. Proseguendo verso Candelo, presso il ricetto medievale, si incontra la cellula museale della vitivinicoltura. Attraverso la Riserva naturale della Baraggia si raggiunge Castellengo di Cossato, dove numerose aziende vitivinicole sono accessibili su prenotazione per visite e degustazioni (Cascina Preziosa, Centovigne, Zambolin Fabio).

Successivamente si può proseguire verso le colline del Biellese orientale dove, nel susseguirsi di piccoli borghi, altri produttori aprono le porte ai visitatori: l’itinerario attraversa Lessona (Cerruti Manuela, La Prevostura, Clerico Massimo, Pietro Cassina, Mazzucchelli, Proprietà Sperino, La Badina, Tenute Sella) Masserano (Baltera Bocchione Andrea, Colombera & Garella, Monti Perini Andrea), Brusnengo (Barni, Soc. Agr. Roccia Rossa, Noah), Soprana (Vampari), Curino (La Tur), Sostegno (Lorenzo Rovero, Antoniotti Odilio), fino a raggiungere Villa del Bosco (Le Pianelle, Società Agricola Maria Antonietta) al confine della Provincia di Vercelli, altra area di produzione di pregiate DOC.

I produttori vanno sempre contattati in anticipo per verificare orari e disponibilità. Cogliamo l'occasione per andare alla scoperta dell’area naturalistica delle Rive Rosse, ambiente dalle caratteristiche paesaggistiche uniche, caratterizzato dalla colorazione arancio acceso del terreno, attraversato da numerosi percorsi escursionistici e in particolare perfetto per la pratica della MTB.

COSA PUOI FARE DURANTE IL TUO SOGGIORNO:

ECOMUSEO DELLA VITIVINICOLTURA: le cellule dedicate alla vitivinicoltura sono parte integrante di un mosaico museale, fatto di oggetti, tecniche, strutture, materiali.

ECOMUSEO DEL COSSATESE E DELLE BARAGGE: il tema centrale, divulgato attraverso le collezioni, è quello della civiltà rurale dell'area cossatese: dalle pratiche agricole alla selvicoltura, al piccolo artigianato.

EX MULINO SUSTA: l'ex Mulino Susta è un insieme articolato di edifici in passato funzionalmente connessi, realizzati a partire dall'inizio del Seicento.

MUSEO DEL BRAMATERRA: cellula della Rete Museale biellese, il museo è visitabile la domenica pomeriggio da giugno a settembre. Conserva una nutrita documentazione storica sulla viticoltura locale, d'interesse anche didattico. In mostra sono gli antichi strumenti: il torchio, lo sgranatoio a mano, tini, gerle per la raccolta dell'uva e altri curiosi attrezzi d'epoca.

Per informazioni https://www.atl.biella.it/

 

Atl Biella

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore