/ ATTUALITÀ

ATTUALITÀ | 20 ottobre 2021, 07:10

A Palazzo Ferrero la presentazione di “Etica ed estetica dell’educazione ambientale”

Il saggio verrà illustrato venerdì con l’Ufficio scolastico provinciale e Arpa Piemonte.

palazzo ferrero

A Palazzo Ferrero la presentazione di “Etica ed estetica dell’educazione ambientale”

L’assessorato all’Istruzione della Città di Biella, in collaborazione con l’Ufficio scolastico provinciale e Arpa Piemonte, presenta il saggio “Etica ed estetica dell’educazione ambientale”.

L’appuntamento è per questo venerdì, 22 ottobre, alle 17, a palazzo Ferrero. Nell’alveo dei compiti educativi istituzionali che Arpa Piemonte svolge – anche nell’ambito del Sistema Nazionale per la protezione dell’ambiente (Snpa) – risalta il progetto Musica d’ambiente, ideato per portare contenuti dedicati alla sostenibilità nelle scuole, per mezzo della musica. Nato nel settembre 2015, Musica d’Ambiente ha incontrato, su tutto il territorio regionale, circa 16.000 studenti negli interventi in classe, tenuti principalmente nelle scuole primarie, formando altresì circa 1.500 docenti con corsi incentrati sulle competenze morbide, svolti in collaborazione con l’Ufficio scolastico regionale per il Piemonte.

Dal progetto, grazie a un accordo triennale sottoscritto tra Arpa Piemonte, l’Università del Piemonte Orientale e l’Arcidiocesi di Vercelli, è nato il saggio “Etica ed estetica dell’educazione ambientale”, che si presenta come un testo “adulto” utile per portare riflessioni interdisciplinari nelle aule, questa volta con una specifica attenzione alle scuole secondarie di primo e di secondo grado. Centro del libro è il ruolo della musica per parlare di educazione ambientale e sostenibilità, considerando i piani etico ed estetico.

Il saggio, gratuitamente disponibile in formato digitale, è stato presentato l’8 giugno scorso nell’aula magna del Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università del Piemonte Orientale, a Vercelli. In questo anno scolastico inizierà a circolare nelle scuole, partendo dagli istituti Bernardino Lanino di Vercelli e San Francesco di Biella, venendo raccontato e offrendosi così come occasione di riflessione per bambini e ragazzi, per un pensiero comune dedicato al nostro pianeta e all’essere umano come suo custode.

Redazione g. c.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore