/ CULTURA E SPETTACOLI

CULTURA E SPETTACOLI | 18 ottobre 2021, 17:20

Il Salone del Libro riparte dopo il Covid: “Ci siamo aggrappati alla cultura nel momento più duro”

salone libro

Il Salone del Libro riparte dopo il Covid: “Ci siamo aggrappati alla cultura nel momento più duro”

Termina lunedì “Vita Supernova" come è stata denominata la XXXIII edizione del Salone del libro, la prima dal vivo dopo il Covid e «tra le più ricche di sempre», come ha ricordato Giulio Bino, presidente della Fondazione Circolo dei Lettori: «Nel momento più duro della pandemia ci siamo aggrappati alla cultura, la più importante delle sfide, soprattutto in questo clima di ritrovata fiducia nel futuro che il Paese sta vivendo”. E in effetti per chi ha potuto vedere il Salone ha trovato tra i suoi tre stand e il padiglione dell’Oval, un ottimismo costruito da una presenza folta di un pubblico che cercava approfondimenti culturali, convegni e dialoghi con gli scrittori oltre ad aggirarsi negli stand degli editori, a seguire gli incontri, i seminari, le lezioni, le letture, i concerti, gli spettacoli.

Insomma una cultura a tutto tondo che avvicina e contamina non solo le giovani generazioni presenti in massa al Salone ma anche chi ha voluto lasciarsi contagiare da una esigenza di lettura e di partecipazione. Nonostante il cambio di data, il Salone si è sempre svolto nel mese di maggio, il pubblico accorso ha mostrato di gradire questo happening culturale tardo autunnale, l’unico peccato è che forse dura troppo poco, ma di certo lascia il segno per chi vi partecipa. Per chi vuole naturalmente le porte della fiera sono aperte ancora per due giorni ma occorre armarsi di zaini capienti perché difficilmente si esce di li a mani vuote.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore