/ CRONACA

CRONACA | 14 ottobre 2021, 08:30

Omicidio Stefano Leo, il pg di Torino chiede 30 anni per Said

Per la Procura l’autore del delitto era in grado di intendere e di volere. Il legale difensore chiede una nuova perizia psichica.

omicidio stefano leo

Omicidio Stefano Leo, il pg di Torino chiede 30 anni per Said

Trent’anni di carcere, non un giorno di meno. È la richiesta avanzata dal procuratore generale Giancarlo Avenati Bassi dinanzi la Corte d’assise d’appello di Torino, al processo che vede imputato Said Mechaquat, condannato in primo grado a 30 anni di carcere per l’assassinio di Stefano Leo, il ragazzo ucciso con una coltellata alla gola nel febbraio 2019 mentre a piedi percorreva i Murazzi.

“L’ho ucciso perché era felice”, aveva detto il killer, dopo essersi costituito ai Carabinieri. Nel luglio 2020 il tribunale di Torino aveva inflitto al 30enne la pena massima prevista in abbreviato. Il legale difensore di Said, Basilio Foti, ha chiesto una perizia che - a suo parere - proverebbe come l’autore dell’omicidio soffra di problemi psichici.

Al termine del processo di primo grado, lo stesso Foti aveva dichiarato: “Non abbiamo vinto e certamente pensavo in qualcosa di meglio, ma sono sicuro che in appello la pena sarà ridotta".

Dal corrispondente di Torino - g. c.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore