/ CRONACA

CRONACA | 13 ottobre 2021, 09:00

Riva e schiamazzi notturni, lettera di una residente esasperata

La cittadina lamenta una situazione che perdura da anni. <La situazione è sotto controllo> la risposta del Comune.

Riva e schiamazzi notturni, lettera di una residente esasperata

Riva e schiamazzi notturni, lettera di una residente esasperata

Riceviamo e pubblichiamo qui di seguito una lettera firmata da una residente del quartiere Riva a Biella, una copia di una indirizzata sia al Questore, che al Prefetto che al Sindaco, in cui descrive la situazione che sta vivendo.

<Vi scrivo per mettervi a conoscenza (si fa per dire, dal momento che la situazione dovrebbe già esser Vi nota) della situazione di grave disagio causata da urla, schiamazzi, cori da stadio ecc.. che si verificano ogni fine settimana nel quartiere di Riva, nella fattispecie all’angolo tra via Italia e via Galileo Galilei, dopo l’orario di chiusura dei locali. Vi scrivo perché la situazione è veramente esasperante: ragazzini che alle 4.30 di notte ancora versano per le strade con bottiglie di alcolici e gridano con urla disumane; non si tratta più di essere tolleranti, perché c’è un limite anche alla tolleranza. Vi scrivo perché sono esasperata dal fatto che mi debba svegliare nel cuore nella notte con scene di follia, sono snervata dal fatto di chiamare le forze dell’ordine e sentirmi rispondere che loro non possono fare nulla e che il giudizio risiede nel buonsenso della gente perché si sa che “abitare in centro è così”. Vi scrivo perché non è normale che io non chiuda occhio a causa di qualche disgraziato che non è capace a divertirsi e che io il sabato mattina vada a lavorare stanca morta con un aspetto indecente perché questa situazione viene ignorata da TUTTI da ANNI. Vi scrivo affinché vengano urgentemente presi provvedimenti volti a risolvere questa situazione veramente sgradevole. Certa di un pronto intervento, ringrazio per l’attenzione e porgo i miei più cordiali saluti>.

<Siamo al corrente della lettera - commenta il vice sindaco Giacomo Moscarola - , ma la situazione dal punto di vista della sicurezza è sotto controllo. Anni addietro era ben diversa, c'erano ragazzi che si divertivano addirittura a tirarsi dietro i san pietrini. Ma rafforzando i controlli è cambiata ed è tollerabile>.

lettera firmata, s.zo.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore