/ ATTUALITÀ

ATTUALITÀ | 22 settembre 2021, 12:20

Omaggio del Liceo Avogadro a Dino Fraire, ecco il parco sportivo dedicato al docente scomparso 3 anni fa FOTO

Questa mattina la cerimonia di intitolazione della nuova area, alla presenza di colleghi, studenti e autorità scolastiche.

omaggio liceo scientifico

Omaggio del Liceo Avogadro a Dino Fraire, ecco il parco sportivo dedicato al docente scomparso 3 anni fa (foto di Studio Fighera per newsbiella.it)

A tre anni dalla tragica scomparsa, il ricordo di Dino Fraire rivive nelle parole dei suoi colleghi. L'inno di Mameli, unito ad un caloroso applauso, ha accompagnato questa mattina, 22 settembre, la cerimonia di intitolazione del nuovo parco sportivo del Liceo Scientifico, situato nel cortile di via Addis Abeba, a Biella, dedicato al docente di scienze motorie e sportive mancato il 22 giugno 2018, a seguito di un incidente avvenuto in alta Valsessera (leggi qui).

Dopo la dedica alla palestra d'istituto, un nuovo omaggio all'educatore tanto caro agli studenti biellesi. Presenti nel cortile del Liceo docenti in servizio e in pensione, rappresentanti d'istituto, autorità scolastiche, giovani ed ex allievi: tutti stretti in un intenso e ideale abbraccio alla moglie Anna e la figlia Chiara, omaggiate per l'occasione da un mazzo di fiori consegnati da alcune studentesse.

“Sono qui colleghi e professori che con Dino hanno condiviso momenti di lavoro intenso – esordisce il preside Dino Gentile – Questa sarà un'area dedicata allo sport e servirà ad educare i giovani che verranno”. Toccanti i ricordi e gli aneddoti di chi l'ha conosciuto. “Sono in difficoltà a trovare le parole – confida tra le lacrime la delegata provinciale del Coni Anna Zumaglini – Dino è lo sport, sempre presente nei valori che ha trasmesso e lasciato dentro ognuno di noi. È giusto ricordarlo con il suo sorriso”.

“La scuola era la sua seconda casa e in questo momento direbbe 'basta così, è ora di andare al lavoro ' - ricorda la docente e presidente del Comitato Regionale FIDAL Piemonte Clelia Zola – Non era scontato ciò che è stato realizzato. Questo è un atto concreto per far sì che Dino resti vicino a tutti noi. Quando metteremo piede qui dentro lo ricorderemo con il suo megafono, il plico di carte e i suoi inconfondibili mocassini”. L'amico e collega Graziano Euro, professore di storia e filosofia del Liceo, domanda ai presenti sul “perchè è stato fatto tutto questo in nome suo? Insegno a fare domande e ognuno troverà la sua risposta. Posso dire che Dino ha seminato bene e siamo qui per ricordarlo”.

Commoventi le parole della moglie Anna (“Spero che i nipotini futuri possano utilizzare il parco intitolato al loro nonno”) e della figlia Chiara: “Siamo orgogliosi di quest'area dedicata all'attività sportiva. Auguro a tutti gli studenti di avere una vita piena di successi”. Al termine della manifestazione, i docenti di ginnastica, insieme ai familiari, hanno tagliato il nastro inaugurale assistendo alle dimostrazioni individuali di alcuni studenti e l'utilizzo delle attrezzature sportive posizionate all'interno.

Infine, sabato 25 settembre, colleghi, conoscenti ed amici compiranno un’escursione in suo ricordo: l'appuntamento è previsto alle 9.30 al Bocchetto Sessera.

g. c.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore