/ Valle Cervo

Valle Cervo | 11 settembre 2021, 18:13

Elezioni a Zumaglia, De Faveri rifiuta confronto pubblico con Toniazzo

De Faveri: “Questo confronto porterebbe allo scontro ed a polemiche sterili”. Toniazzo: “Un dibattito che i cittadini avrebbero certamente apprezzato"

Prima schermaglia elettorale tra i  candidati sindaci di Zumaglia - Foto archivio newsbiella.it

Prima schermaglia elettorale tra i candidati sindaci di Zumaglia - Foto archivio newsbiella.it

Prima schermaglia elettorale tra i due candidati sindaci di Zumaglia in vista delle elezioni amministrative del 3-4 ottobre.

Motivo della disputa il rifiuto da parte di Edoardo De Faveri di Noi e Voi per Zumaglia al confronto pubblico “all'americana” che il suo avversario, Iuri Toniazzo di Zumaglia nel cuore, ha proposto per il 24 settembre a Villa Virginia con moderatore il giornalista Paolo La Bua.

“In un paese come Zumaglia un confronto all'americana è, secondo me, esagerato. – motiva la decisione De Faveri – Non è però l'esagerazione che ci porta a rifiutare, bensì il fatto che un confronto porterebbe allo scontro e a polemiche sterili che non vogliamo perchè non siamo la “casa delle polemiche”, e perchè gli Zumagliesi ne hanno già conosciute tante in passato e ne sono andati di mezzo insieme al paese. Il nostro gruppo, Noi e Voi per Zumaglia, vuole confrontarsi con i cittadini”.

Di parere nettamente contrario Iuri Toniazzo: “Apprendo con stupore che Edoardo De Faveri rinuncia al confronto d'innanzi agli elettori di Zumaglia, incontro che gli elettori stessi avrebbero certamente apprezzato. De Faveri dimostra di non conoscere i termini del confronto all'americana. Con l'arroganza, forse la presunzione o in ogni caso con l'inesperienza di chi si “affaccia” per la prima volta alla vita amministrativa di una comunità, asserisce che il confronto tra i candidati sarebbe sfociato inevitabilmente in polemiche sterili di cui la popolazione è stufa. Con fermezza asserisco invece il contrario, ovvero che il confronto pacato e riflessivo, così come lo intendiamo noi candidati di Zumaglia nel cuore, avrebbe offerto un importante contributo e gettato soprattutto le basi della collaborazione futura nel post elezioni”.

“Con questo rifiuto – continua Toniazzo - è De Faveri a presentarsi ai cittadini di Zumaglia come condomino modello della “casa delle polemiche” esorcizzando modelli fondati sulla “politica dello scontro” che per quanto ci riguarda appartengono al passato remoto".

La discussione riguarda anche la modalità di organizzazione del confronto.

“Toniazzo – afferma De Faveri – ha proposto un incontro già organizzato con luogo, ora e moderatore, che reputo un grande professionista. Ma, a noi non ha fatto piacere trovare la tavola apparecchiata. Quando ci sono due candidati si sente l'altra parte per eventi di questo tipo”.

Secca la riposta di Toniazzo: “Preoccupa la perdita di memoria del giovane candidato, poco più che ventenne. De Faveri, dopo aver dato vita ad un primo pellegrinaggio infruttuoso alla ricerca di candidati, ha chiesto a me ed a Franco della Valle di incontrarlo: ne è seguito un incontro nel corso del quale si è anche ipotizzato di lavorare insieme con l'intento di far nascere un'unica lista civica, ipotesi abbandonata strada facendo dal De Faveri. Così come di promuovere insieme eventi culturali e di approfondimento a Villa Virginia, e che in ogni caso, qualora le liste civiche fossero state due, ci saremmo reciprocamente presentati agli elettori con il chiaro intento di pensare al futuro nell'ottica della collaborazione! Alias, nell'esclusivo interesse della comunità di Zumaglia”.

“Ma di tutto ciò forse il giovane De Faveri nel frattempo se ne è dimenticato... - aggiunge Toniazzo - Così come si è dimenticato della nostra proposta, ovvero quella di promuovere in campagna elettorale proprio a Zumaglia il primo confronto all'americana tra i possibili candidati".

L'incontro di cui parla Toniazzo si tenne nel mese di giugno come conferma lo stesso De Faveri: “Affacciandomi alla vita amministrativa di Zumaglia, e per averne una visione, mi sono confrontato in maniera disinteressata con il sindaco uscente Delvento, con l'ex sindaco Cantono e con Toniazzo. Nell'occasione della chiaccherata  con Toniazzo e Della Valle non ho mai ipotizzato di presentarci insieme, perché Noi e Voi per Zumaglia era già un gruppo formato ed uniforme: quindi, viste le idee e valori diversi, era chiaro che saremmo andati separati alle elezioni . Abbiamo anche nominato questo confronto, ma non mi ricordo di averlo programmato. In ogni caso non l'ho accettato perchè altrimenti Toniazzo non me lo avrebbe chiesto”.

Alessandro Bozzonetti

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore