/ EVENTI

EVENTI | 05 agosto 2021, 13:00

“Giorgetto Giugiaro e l’idea di Leonardo”: Al Castello Gamba di Châtillon una mostra celebra l’arte del design

museo valle aosta

“Giorgetto Giugiaro e l’idea di Leonardo”: Al Castello Gamba di Châtillon una mostra celebra l’arte del design

Dal 23 giugno al 26 settembre 2021 il Castello Gamba di Châtillon - Museo d'arte moderna e contemporanea della Valle d'Aosta ospita la mostra “Giorgetto Giugiaro e l’idea di Leonardo”. L’evento espositivo, voluto dall’Assessorato Beni culturali, Turismo, Sport e Commercio della Regione Autonoma Valle d’Aosta, è un forte segnale di ripresa delle attività del Museo dopo il periodo di chiusura e vuole confermare la mission del Castello quale punto di riferimento nel panorama dell’arte contemporanea. La mostra, a cura di Alessandro Vezzosi, nasce da un duplice studio sulle correlazioni di Giorgetto Giugiaro con Leonardo Da Vinci: per evidenziare a ritroso le affinità (e le differenze) tra il metodo e il pensiero di Giugiaro e quelli di Leonardo, genio universale, in ambiti talvolta dimenticati; e viceversa per riconsiderare, a distanza di oltre cinque secoli, le corrispondenze di definizioni e progetti di Leonardo (“designer” già nel Rinascimento) con la vita creativa di Giugiaro (figlio d’arte, in rapporto alla pittura, e che qui si presenta come artista-designer protagonista tra XX secolo e inizi del terzo millennio).

A 500 anni dalla sua morte, Leonardo da Vinci, vissuto a cavallo tra il 400 e il 500, prima a Firenze alla corte De Medici poi a Milano sotto Ludovico il Moro e infine a Parigi, dove morì, è senza dubbio una delle più emblematiche figure dell’arte del Rinascimento. Artista, pittore, architetto, ingegnere, scienziato, inventore… Leonardo riassume in sé il concetto più completo e moderno di “genio”.Perduti nel corso della storia ma ritrovati nel XIX secolo, i Codici raccolgono le conoscenze scientifiche e pratiche acquisite dal genio universale: studi di anatomia, architettura, ingegneria, ottica, urbanistica, straordinariamente affrontati in un’epoca in cui, alcune di queste discipline, non erano neppure sviluppate. Leonardo è stato geniale precursore, certo, ma in certi casi ha ripreso invenzioni di ingegneri ed inventori precedenti migliorandole e riadattandole a seconda della sua ispirazione e fantasia.

Purtroppo, nessuna delle sue invenzioni è giunta a noi e non ci sono prove che queste siano state effettivamente realizzate ma rappresentano un’enorme dimostrazione del genio di questo artista di fama universale, precursore dell’ingegneria moderna. Senz’altro un vero uomo di scienza ma anche un autentico e colto umanista che, con le sue conoscenze e il raro talento pratico-sperimentale, ha contribuito allo studio e alla realizzazione di macchine e meccanismi che utilizziamo ancora oggi nella nostra vita quotidiana. Uno scienziato intellettuale che oggi, con questa mostra, si desidera ricordare attraverso la creazione di un significativo parallelismo: quello con Giorgetto Giugiaro. Non a caso definito “designer del secolo” condivide col genio di Vinci un indiscusso talento disegnativo unito ad una nitida capacità di visione tecnica; le sue idee, attraverso l’inconfondibile tratto della sua matita, si sono trasformate in “macchine” divenute icone ingegneristiche.

Giorgetto nasce e cresce a Garessio, un paesino di tremila anime, in Piemonte. La predisposizione per l'arte feconda in fretta, ma, come dice Gabriel García Márquez, "l'ispirazione non si improvvisa". Il padre Mario e il nonno Luigi, infatti, sono pittori e decoratori, e Giorgetto cresce tra scuola, corsi di disegno tecnico e Lucio Fontana. Studia mille artisti, e da tutti trattiene qualcosa. E, come per Leonardo, anche per lui l’”andare a bottega” sarà fondamentale. A soli 17 anni è già in FIAT come apprendista designer. I suoi bozzetti stimolano l’interesse di Nuccio Bertone che lo nomina addirittura responsabile del Centro Stile. Siamo nel 1959, e Giorgetto ha solo 19 anni. Ed è proprio in Bertone che si forma il Giugiaro che tutti impareremo a conoscere. Anno dopo anno le sue linee sinuose e aerodinamiche arriveranno a ridefinire e creare innovativi “codici” tecnologici che daranno forma ai moderni, se non addirittura futuristici, concetti della mobilità contemporanea. Il genio del Rinascimento e il designer del secolo, certo divisi dal tempo, ma uniti da qualità e talento affini, entrambi enfants prodiges diventati leggenda. Approfondire la conoscenza dell’opera e della personalità di Giugiaro consente di distinguere e comprendere meglio il senso moderno dell’Arte-design e l’impressionante attualità di Leonardo. Si ricordano le regole di accesso e fruizione nel rispetto della normativa sulle misure per la prevenzione e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19 sottolineando, inoltre, che in ottemperanza alle disposizioni governative vigenti previste per tutti i luoghi di cultura italiani (rif. D.L. del 23 luglio 2021), è obbligatorio esibire il Green Pass corredato da un valido documento di identità. Castello Gamba - Museo d'arte moderna e contemporanea in Valle d'Aosta si trova in Località Crêt-de-Breil, Châtillon (Valle d’Aosta).

Orari: Tutti i giorni dalle ore 9.00 alle ore 19.00

Informazioni:
Tel. +39 0166 563252
info.castellogamba@regione.vda.it
www.castellogamba.vda.it

 

Comunicato stampa g. c.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore