/ ATTUALITÀ

ATTUALITÀ | 23 luglio 2021, 07:40

Vigliano, concluso il progetto “Un lavoro (anche) per te”

vigliano

Vigliano, concluso il progetto “Un lavoro (anche) per te”

Nei giorni scorsi hanno terminato il loro servizio di aiuto cantonieri i signori Stefano Dionisio, Giorgio Presa e Guido Olivetto. Si è così concluso il progetto “Un lavoro (anche) per te”, che il Comune aveva presentato nell’ottobre 2019 alla Regione Piemonte, ottenendo il relativo finanziamento, per impiegare tre persone disoccupate over 58.

A causa dell’emergenza sanitaria, questi cantieri hanno potuto prendere avvio soltanto a partire dal mese di luglio 2020: il Comune di Vigliano Biellese, avendo concluso la selezione nei mesi precedenti, ha potuto attivarli da subito, così integrando l’opera del cantoniere comunale con una serie di attività di piccola manutenzione, perlopiù all’aperto, che è stata particolarmente utile ed apprezzata.

“Siamo molto soddisfatti del progetto – spiega il Sindaco, Cristina Vazzoler – sia perché fattivamente ha apportato preziose risorse umane che hanno operato sul territorio intervenendo puntualmente e sotto la direzione del nostro ufficio tecnico, sia dal punto di vista sociale. Poter dare lavoro a persone da tempo disoccupate ed in età tale da non poter aspirare alla pensione in tempi brevi, è stato significativo per noi e vissuto in modo gratificante dai diretti interessati. Sono stati coinvolti in modo diretto negli obiettivi da raggiungere e ne è stato valorizzato il contributo: più volte ci hanno evidenziato che questa iniziativa è stata preziosa per loro e il lavoro all’aria aperta – per chi aveva affrontato per lungo tempo il lavoro in fabbrica – ha rappresentato un cambiamento vissuto in modo positivo. Ringraziamo quindi i signori Dionisio, Barbieri e Olivetto, auspicando che per loro si possano aprire presto altre opportunità di impiego o, qualora possibile, il meritato pensionamento”.

Comunicato stampa g. c.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore