/ ATTUALITÀ

ATTUALITÀ | 14 giugno 2021, 19:54

ASL Biella, assessore Caucino e deputata Patelli incontrano nuovo direttore: “Tanto da lavorare ma molto entusiasmo”

patelli caucino

Questa mattina l’assessore regionale biellese al Welfare Chiara Caucino e la parlamentare Cristina Patelli, hanno incontrato il nuovo direttore generale dell’Asl di Biella, Mario Sanò, che proviene dall’Azienda Sanitaria Locale Cuneo 2 Alba-Bra, dove ricopriva il ruolo di direttore della SOC Assistenza Farmaceutica Territoriale e Farmacia Ospedaliera.

Le due importanti esponenti della politica biellese, regionale e nazionale, hanno potuto verificare la grande competenza e determinazione di Sanò, che ha appena iniziato la sua nuova avventura biellese con un grande entusiasmo e tanta voglia di lavorare per il territorio. «E’ stato un incontro molto proficuo - spiega Caucino - dove abbiamo avuto la possibilità di approfondire ulteriormente la conoscenza del nuovo direttore generale dell’Asl del nostro territorio e di condividere con lui la nostra visione per una sanità sempre più efficiente, vicina e al servizio dei cittadini».

«Certo - prosegue Caucino - ci rendiamo conto che oggi la priorità - che impiega un numero enorme di risorse - è la campagna vaccinale di massa in corso, ma allo stesso tempo non dobbiamo dimenticarci di tutte le altre patologie - in particolare quelle croniche - che necessitano di assistenza continua e di presa in carico degli ammalati, in particolare di quelli portatori di disabilità. Così come non dobbiamo in alcun modo trascurare la prevenzione oncologica che, da sola, è in grado di salvare centinaia di vite. Con Sanò abbiamo concordato che il lavoro da fare è parecchio e che non sarà certo semplice, ma sono certa che l'entusiasmo che ci accomuna possa essere l'ingrediente per superare tutte le difficoltà».

Soddisfatta anche l'onorevole Patelli: «Durante l'incontro ho potuto apprezzare le qualità umane e professionali del dottor Sanò - spiega - Sono convinta che sotto la sua gestione vi sarà naturalmente una particolare attenzione alla realtà biellese, con un occhio attento riguardo all'immigrazione: occorre infatti che le persone che verranno sul nostro territorio vengano controllate proprio come accade con gli italiani, in modo da evitare una ripresa della pandemia».

Comunicato stampa g. c.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore