/ CULTURA E SPETTACOLI

CULTURA E SPETTACOLI | 11 giugno 2021, 10:09

A Pray è un successo la mostra di Fiber Art “Per Filo e per Segno” FOTO

pray mostra

Domenica scorsa alla Fabbrica della Ruota di Pray è stata inaugurata con successo e alla presenza di molti degli artisti la mostra di Fiber Art “Per Filo e per Segno”, curata da Marisa Cortese e realizzata in collaborazione tra DocBi e Associazione Siviera. La mostra resterà aperta tutte le domeniche dalle 14,30 alle 18,30 sino al 10 ottobre. Domenica prossima 13 giugno, alle ore 17,30 e sempre alla Fabbrica della Ruota, verrà ufficialmente inaugurata una parallela mostra di Mail Art, anch’essa curata da Marisa Cortese.

Con il termine Mail Art, o Arte Postale, si indica una pratica artistica senza scopi commerciali che consiste nell'inviare per posta a uno o a più destinatari cartoline, buste e altri oggetti cartacei rielaborati artisticamente per la realizzazione di mostre o pubblicazioni. Futuristi e dadaisti furono i primi ad usare cartoline e francobolli con finalità artistiche, ma solo negli anni Sessanta-Settanta emersero artisti che lavoravano con continuità sul mezzo postale, fino a costituire un vero e proprio Network, una comunità di corrispondenti con l’ambizione (poi realizzata) di diventare una rete di interconnessioni mondiale.

I primi artisti postali provenivano dai gruppi di artisti sperimentali che contestavano le rigide e spesso perverse logiche del mercato dell’arte e che privilegiavano il processo creativo rispetto al manufatto tradizionale. L’artista che maggiormente si distinse per l’uso innovativo e trasgressivo della posta fu lo statunitense Ray Johnson, secondo molti il vero padre della Mail Art. Egli fu anche il primo a coinvolgere importanti musei nell’allestimento di esposizioni di Mail Art: celebre rimane l’allestimento al Whitney Museum of American Art di New York, curato in collaborazione con Maricia Turker nel 1970.

Per la sua intrinseca natura di arte sperimentale e libera dai condizionamenti del mercato, la Mail Art ha negli ultimi decenni intrecciato rapporti con alcune forme emarginate di espressione artistica quali la poesia visiva-visuale, la copy art, la fax-art, la performance, e ha cercato alleati nelle culture giovanili che hanno mantenuto l’attitudine alla ricerca interdisciplinare.

Comunicato stampa g. c.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore