/ EVENTI

EVENTI | 04 giugno 2021, 12:45

Week end “Nei boschi–in the Forest” con Paesaggio Art Landscape

Domani e domenica nuova escursione tra Roppolo e Cavaglià per la Terza Edizione di PAL organizzata da Slowland Piemonte

Foto di repertorio

Foto di repertorio

Nuovo appuntamento con la Terza Edizione di PAL, Paesaggio Art Landscape, Arte e incontri nel paesaggio, la rassegna di escursioni e conferenze organizzata da Slowland Piemonte.

Domani, sabato 5, e domenica 6 giugno, l'escursione “Nei boschi–in the Forest” tra Roppolo e Cavaglià. L’evento centrale sarà arricchito da altri di vario interesse sempre a Roppolo Cavaglià e Roppolo, che trasformeranno l’area in un parco all’aperto per soddisfare diverse curiosità e interessi.

Descrizione e commenti  

Qual è la distanza nelle nostre relazioni?”, a partire da questa domanda, in riferimento all'emergenza pandemica, un gruppo internazionale di artisti ha dato vita a quattro opere d'arte che andranno a caratterizzare PAL - Paesaggio.Art.Landscape 2021 - intitolato quest'anno "Exchanging whispers in the vineyard - Sussurri nella vigna" - e che si approccia alla seconda tappa, il prossimo 6 giugno, con un percorso che si sviluppa dal comune di Cavaglià a Roppolo. Ad ispirare questo appuntamento sarà l’atmosfera dei boschi entro i quali verranno percorsi due tratti della famosa via Francigena, compiendo un anello che permetterà di percorrerne le due varianti con la tappa, facoltativa ma di particolare interesse paesaggistico e storico, presso il castello di Roppolo.

Curatrici della parte artistica sono Anne-Beth Schuurmans (NL) e Marie-Rose Mayele (BE/CG) della compagnia Cie sQueezz che propone per la terza volta in sei anni l’evento PAL, come sempre una proposta artistica outdoor per bambini e comunità. Anche quest’anno l'iniziativa è supportata anche dalle associazioni locali (Il movimento lento e i Semi di Serra e ColtiViviamo) e le pro loco (Viverone, Piverone e Alice Castello).

Il commento degli amministratori

Daniele Carrara, assessore al commercio ed al turismo per il comune di Cavaglià, dice “Con enorme entusiasmo il comune di Cavaglià ospita per la prima volta una PAL walk, evento ormai giunto alla terza edizione. Con la collaborazione delle attività Cavagliesi abbiamo organizzato una serie di iniziative per rendere ancora più appagante la partecipazione nella speranza di donare ai cittadini una giornata di svago e di poter far conoscere le bellezze del nostro paese a chi ci visiterà da fuori. Auspico una nutrita partecipazione e spero sia un evento che segni un momento di svolta rispetto alla condizione che questa pandemia ci ha costretti a vivere tutti, tanto i cittadini quanto gli esercizi commerciali, i bar e tutte le attività”. “

L'iniziativa è ormai giunta alla terza edizione ed i due comuni, entrambi appartenenti all’associazione Slowland Piemonte ed in collaborazione con la stessa, promuovono l'evento che è anche diventato un'opportunità di rinascita con l'arte, il territorio e gli eventi organizzati al contorno. In questo caso la collaborazione tra i due comuni ha permesso di creare due giorni di eventi che grazie al festival PAL - Paesaggio art Landscape trasformerà in una sorta di parco le aree collegate dai due comuni con due percorsi da 5 km e da 7,5 km dove i visitatori saranno guidati alla scoperta del territorio attraverso arte storia e paesaggio” Ricorda Bertaccini Pancrazio presidente dell’Associazione e consigliere del Comune di Roppolo.

Le amministrazioni comunali di Roppolo e Cavaglià hanno infatti organizzato eventi collegati per arricchire l’offerta per le giornate, in modo da rendere accattivante per tutti la partecipazione a queste giornate di festa.

L’assessorato al commercio e turismo di Cavaglià, in collaborazione con i bar, gli esercizi commerciali ed i ristoranti del territorio ha organizzato un mercatino per le vie centrali del paese, che potrà essere visitato in seguito alla passeggiata o in alternativa ad essa. Gli esercizi commerciali aderenti rimarranno aperti in occasione della manifestazione e saranno lieti di accogliervi in paese. Inoltre, ai partecipanti alla passeggiata, verrano consegnati buoni sconto per le consumazioni presso i bar ed i ristoranti del paese.

L’amministrazione comunale di Roppolo invece ha organizzato per domenica 6 giugno un’anteprima di un evento in chiave storica che si svolgerà in autunno, presso le aree esterne al castello (il museo del castello non sarà ancora visitabile), visitabile dalle 10 alle 17 e raggiungibile direttamente o durante la passeggiata di PAL in modo facoltativo attraverso una breve variante al percorso artistico, proponendo un itinerario paesaggistico e storico molto suggestivo.

A Roppolo domani, sabato 5 giugno, vi sarà la giornata conclusiva di un progetto di formazione Europea opportunità di confronto e occasione di partenariato per eventuali future collaborazioni e momento di condivisione sull’andamento delle attività nel contesto turistico della zona. Al pomeriggio possibilità di visitare la fattoria didattica e fare il battesimo della sella a cavallo e alle 18 presentazione del libro “111 luoghi di Biella che devo proprio scoprire”. Tutti gli eventi sono a numero limitato per le restrizioni sanitarie si consiglia prenotazione.

Il commento di Marie Rose Mayele

“Nelle due precedenti edizioni gli organizzatori hanno invitato gli artisti, in coppia, a realizzare un'opera d'arte direttamente nel paesaggio in cui poi veniva collocata. Quest'anno, invece, abbiamo chiesto loro di mandare le opere d'arte in forma di messaggi per invitare i camminatori fruitori dell'iniziativa a riflettere sulle distanze che caratterizzano questo periodo storico. Agli artisti italiani e internazionali delle precedenti edizioni, infatti, abbiamo suggerito di invitare i partecipanti a risposte alla domanda ‘Qual è la distanza tra noi?’ stimolati dalle installazioni. Le opere sono diverse tra loro e hanno fruizioni diverse. Per esempio, con ‘Message in the bottle’ ogni partecipante può prendere una delle bottiglie dell'opera, che al loro interno conterranno un messaggio ispirazionale scritto anche da bambini delle scuole sul tema del festival (ognuno potrà anche scegliere se rispondere al messaggio, perché sarà riportato l'indirizzo del mittente); Leggenda da lontano, invece, è un'opera sonora che invita le persone muoversi nel paesaggio ascoltando leggende proposte dagli artisti. Siamo grati - ha concluso - ai comuni ospitanti, ai loro residenti e a tutti i volontari per il loro sostegno che ci danno nonostante i tempi difficili. Vogliamo anche ringraziare il bellissimo paesaggio del Piemonte. Sarà un'esperienza magica”. 

Le opere e gli artisti

Saranno proposte quattro opere da sentire, da vedere e da vivere nei tre diversi paesaggi dei percorsi: 

Connected breathing - Respiro connesso, di Cecilie Bendixen (DK) e Luca Benedetto (IT); 

Leggende lontane, sensi vicini - Legends from far away,senses from insidedi Claudia Ferretti (IT) e Sonia Si Ahmed (DE/DZ); 

From my landscape to your landscape - Dal mio paesaggio al tuo di Dennis Van Tilburg (NL); 

Message in a bottle - Messaggio in bottiglia di Elian Smits (NL) e Simone Severgnini (IT).

Caratteristica di PAL è quella di mescolare artisti con differenti profili artistici, dalle arti visive alla danza, dalla musica classica al teatro, dal design alla multimedialità. Le loro proposte discendono dall’intreccio tra la provocazione artistica della compagnia Cie sQueezz e la loro formazione e sono Aaron Inker di Biella, esperto in musica e multimedia; Brian Hartley, ballerino e artista visivo che lavora per Starcatchers a Glasgow, realizzando opere d'arte in spazi pubblici, scuole e asili; Cecilie Bendixen, Architetto, artista tessile e visiva, che espone in vari musei, collezioni e fiere internazionali; Claudia Ferretti di Brescia, una musicista, sensorialista, insegnante di analisi sensoriale e narrazione sonora, sound artist e cantautrice con il nome di Claudia Is On The Sofa; Dennis Van Tilburg, musicista e soundscaper che lavora su progetti artistici internazionali in spazi rurali; Elian Smits, scenografo e artista visivo che insegna all'Accademia di teatro e danza dell'Università delle arti di Amsterdam; Luca Benedetto, trombettista, compositore e membro di Satoyama (ambient jazz); Simone Severgnini di Milano; attore e direttore artistico del gruppo teatrale e della scuola 'Il Giardino delle ore'; Sonia Si Ahmed, interprete e improvvisatrice, danzatrice in vari progetti artistici con coreografi come Julien Bruneau e Mette Edvardsen.

Comunciato Stampa Slowland Piemonte - a.b.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore