/ COSTUME E SOCIETÀ

COSTUME E SOCIETÀ | 16 maggio 2021, 08:30

A Viverone arriva “CON-TATTO”, il progetto dei Rotary Club a sostegno dei giovani affetti da autismo

In riva al lago la tappa di allenamento del Cammino organizzato dai Rotary Club piemontesi e dall'ASL Città di Torino nell'ambito del progetto di aiuto ai giovani affetti da autismo

Foto Rotary Club Viverone Lago - a.b.

Foto Rotary Club Viverone Lago - a.b.

I Rotary Club piemontesi sostengono “CON-TATTO”, un metodo abilitativo per tutte le persone affette da disturbi psichici dello spettro autistico. Si è svolta sabato 8 maggio la tappa dell’allenamento in vista del Cammino sulla via Francigena nell’ambito del progetto CON-TATTO organizzata dal Distretto 2031 e ASL Città di Torino.

Con-tatto è un progetto ideato da rotariani per aiutare i giovani affetti da autismo attraverso un percorso itinerante di allenamento e adattamento all’ambiente, condotto con un approccio scientifico. Responsabile del progetto scientifico il dottor Roberto Keller, direttore del Centro Regionale Autismo Adulti Asl Città di Torino.

Il gruppo di ragazzi con genitori, educatori e organizzatori, partendo da Ivrea hanno camminato sulla via Francigena per 22 km, insieme agli accompagnatori rotariani Carmelo Velardo presidente della commissione distrettuale per le disabilità, Milly Cometti e Luca Rivoira, membri della stessa commissione ed Elisabetta Micheletti, Presidente della commissione nuove generazioni e famiglia rotariana. Ad accogliere i giovani podisti nella bellissima cornice del Circolo Nautico di Torino di Viverone, il Governatore Distretto 2031 Michelangelo De Blasio e i Presidenti dei Rotary Club: Viverone Lago, Massimo Zappa, padrone di casa, Rotary Vercelli Luigi Omodei Zorini e Rotary Sant’Andrea Santhià Crescentino Laura Minghetti, l’Assessore Federica Barbieri ed il consigliere Carlo Angelo Sabbioni del Comune di Viverone, la presidente Consorzio Iris di Biella e la partecipazione di amici e soci rotariani.

Il progetto “Con-Tatto” promosso da Rotary Club – Distretto 2031 e ASL Città di Torino, ufficialmente presentato il 19 ottobre 2020, è stato fortemente voluto dal Governatore Distretto 2031 Rotary Michelangelo De Biasio coadiuvato da Carmelo Velardo (responsabile commissione per le disabilità Rotary International Distretto 2031) in collaborazione con gli esperti Dott Roberto Keller (direttore del centro regionale autismo adulti) e Dott.ssa Romina Castaldo (Psicologa-Psicoterapeuta del centro regionale autismo adulti).

L’ambizioso ed impegnativo progetto porterà 12 ragazzi, affetti da disturbi dello spettro autistico di vario genere, fino a Roma lungo la Via Francigena. La partenza è fissata per il 27 maggio da Acquapendente, punto di partenza del cammino ufficiale che li condurrà a Roma dopo quasi 200 km, percorsi a piedi. Arrivati a Roma, il team incontrerà anche Papa Francesco per presentare un progetto assolutamente unico nel suo genere.

L’obiettivo di questo progetto è di studiare, in maniera scientifica, un metodo abilitativo per tutte le persone affette da disturbi psichici dello spettro autistico. Il team che partirà, oltre ai 12 ragazzi partecipanti, sarà formato dal Dottor Roberto Keller, dagli educatori professionali Rosa Colella, Caterina Finardi e Carmen Genuario, operanti nel settore autismo, 1 tesista Manuel Lopez , una troupe cinematografica (Indyca Film), guidata dal regista Gabriele Vacis e dal produttore Michele Fornasero, che seguirà tutto il cammino e realizzerà un documentario, il preparatore atletico Fabio Ardizzone, un giornalista Alessandro Bocchi e i due operatori di BBS – Agenzia di Comunicazione che stanno gestendo e che gestiranno tutto quello che sarà il racconto via Web/Social del progetto.

Oltre a loro, ovviamente, non potranno mancare gli ideatori del progetto, Carmelo Velardo e Luca Rivoira del Rotary Club di Settimo Torinese ed i tutor rotariani Milly Cometti e Luigi De Concilio.

Il progetto ha ottenuto anche la sovvenzione distrettuale e rappresenta una chiara espressione del servizio rotariano del fare, che si prende carico di bisogni presenti nell'ambito sociale, che nell’attuale condizione socio economica del Paese, devono essere ancora più fortemente sostenuti.

Comunicato Stampa Rotary Club Viverone Lago - a.b.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore