/ ATTUALITÀ

ATTUALITÀ | 15 maggio 2021, 06:50

Crevacuore, nuovi danni al ponte dell'ex cartiera. Sindaco: “Preoccupato, chiedo intervento immediato”

I sindaci di Crevacuore e Guardabosone hanno convocaton un incontro urgente per riaprire il più velocemente possibile il tratto colpito duramente lo scorso ottobre.

cartiera crevacuore ponte

Le intense precipitazioni dei giorni scorsi hanno fortemente allarmato le amministrazioni comunali di Crevacuore e Guardabosone, che ora chiedono un incontro urgente con tecnici e rappresentanti di Regione e Province di Biella e Vercelli per intervenire quanto prima al ripristino della viabilità del tratto di strada colpito duramente lo scorso ottobre dall'alluvione. Parte del ponte, infatti, era crollato nei pressi dell'ex cartiera sotto il peso dell'acqua.

Ora il maltempo di inizio settimana ha fatto suonare il campanello d'allarme. “Siamo estremamente preoccupati perchè l'area è molto fragile e sollecitiamo un intervento immediato – spiega il sindaco di Crevacuore Ermanno Raffo – La convocazione della riunione vuole evidenziare i danni di questi giorni che evidenziano l'urgenza di iniziare subito i lavori di messa in sicurezza dei piloni e degli argini”.

Monitorata anche la sponda del Sessera situata nella zona di Azoglio. “Va tenuto conto dei gravi problemi di viabilità con particolare riferimento al traffico pesante in uscita ed in entrata dalla Valsessera causati dall'interruzione del ponte – afferma Raffo – Senza dimenticare la pericolosità della galleria di Azoglio sulla Provinciale 235 per il transito di ciclisti e del conseguente divieto di percorrenza. Inoltre, sono gravissimi i disagi per i cittadini connessi ad un'eventuale interruzione della Provinciale 235, in seguito a frane e smottamenti e che, l'eventuale chiusura di questa strada, causerebbe problemi importanti per ambulanze e mezzi di pronto intervento, con ripercussioni sulla vita della cittadinanza”.

Da lì la decisione di convocare un incontro nella sala consiliare di Crevacuore per lunedì 17 maggio, alle 14, per valutare congiuntamente le possibili azioni da intraprendere per intervenire quanto prima al ritorno della viabilità.

g. c.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore